Tesla: dalla Cina arriva avversaria temibile nella corsa alla guida autonoma

Tesla nella corsa allo sviluppo dell’auto senza conducente deve fare i conti con un altro temibile avversario. Si tratta di Baidu, il gigante di Internet cinese, spesso definito come il “Google della Cina”, il quale sta facendo grandi mosse per portare i suoi veicoli autonomi sulla strada nel più breve tempo possibile. Baidu sta progettando di usare la sua tecnologia driverless per un servizio di navetta pubblica condivisa già nel 2018. Ma Baidu potrebbe anche produrre automobili a guida autonoma per l’uso privato, dopo il 2018, ha detto Jing Wang, vice presidente senior, che dirige la business unit di Baidu per lo sviluppo di automobili autonome.

Tesla è l’unica altra società che si è impegnata a presentare qualche novità importante già nel 2018 , con la maggior parte degli altri che lavorano per ottenere le loro auto sulla strada entro il 2020. Ma Baidu non si sta solo concentrando sulla Cina. Giovedì scorso, a Baidu è stata rilasciata una licenza per testare i propri veicoli autonomi in California. Questa non può essere considerata come una grande sorpresa dato che Baidu aveva allestito un team sempre a proposito di guida autonoma a Sunnyvale, in California all’inizio di quest’anno.

Wang ha detto a ‘Business Insider’ che Baidu ha canalizzato i suoi sforzi in due tecnologie chiave per far avanzare i progressi nel settore delle auto senza conducente. Il primo è un focus su un ramo di intelligenza artificiale chiamato ‘apprendimento profondo’ per dare alle sue vetture un rilevamento ottimale delle immagini. ‘Apprendimento profondo’ permette alle automobili di imparare da sole in modo da poter dedurre ciò che è intorno a loro e prendere decisioni più rapide reattive su come procedere. Baidu adesso usa nelle sue auto senza conducente, un nuovo server di riconoscimento delle immagini grazie alla partnership con Inspur e NVIDIA, la più grande azienda informatica del mondo.

“Secondo il Benchmark Suite Kitti Vision, il più grande insieme di dati relativi al traffio veicolare del mondo, il nostro riconoscimento veicolare ha raggiunto un tasso di precisione del 90.13%. Si tratta di uno dei più alti al mondo”, ha detto Wang. Utilizzare il software di ‘apprendimento profondo’ per un più sofisticato riconoscimento delle immagini è una strategia che anche altri stanno iniziando ad adottare. Anche Toyota sta investendo pesantemente nell’uso di Intelligenze artificiali per le sue auto senza conducente.

Leggi anche: Tesla: autopilota porta uomo colpito da embolia polmonare in ospedale

Baidu VS Tesla
Baidu VS Tesla

Baidu è anche partner con NVIDIA per sviluppare una piattaforma cloud che contribuirà a sviluppare il livello 3 di controllo autonomo del veicolo, che è quando un conducente deve essere presente, ma la macchina  è in grado di gestire la maggior parte delle funzioni da solo, compresa la capacità di parcheggio autonomo. Quella piattaforma sarà messo a disposizione anche di altre case automobilistiche. La seconda tecnologia chiave che Baidu sta utilizzando per lo sviluppo delle auto senza conducente è quella relativa alle sue mappe HD.

La mappatura dei percorsi è una parte importante per ottenere auto senza conducente pronte a muoversi su strada. Le vetture confrontano ciò che viene descritto sulla mappa  con quello che stanno “vedendo” grazie alla presenza di sensori, LiDAR, e del radar al fine di individuare ed evitare eventuali ostacoli. Audi, Daimler, BMW, Tesla e Google stanno mappando i propri percorsi, allo stesso scopo. Tuttavia, Wang afferma che Baidu è la prima azienda cinese per la produzione ad alta risoluzione di mappe in 3D dei percorsi. 

Leggi anche: Arriva la conferma di Tesla Motors: Samsung non sta fornendo alcuna batteria

La Mappatura dei dati ad alta precisione di Baidu contiene centinaia di proprietà, ed è precisa al centimetro”, ha spiegato Wang. “L’unità tradizionale di precisione nei dati cartografici è un misuratore.”La partnership di Baidu con NVIDIA aiuterà anche a far avanzare lo sviluppo della tecnologia nel settore delle mappa HD. Vedremo dunque se arriveranno proprio dalla Cina nei prossimi anni le prime importanti novità per quanto riguarda le automobili a guida autonoma. Tesla deve iniziare a preoccuparsi?