Tinder: Boost aiuta gli utenti, incontri ancora più veloci

Tinder, la celebre applicazione per incontri vuole aiutare i propri utenti rendendo ancora più veloci gli incontri grazie al Tinder Boost. La società sta attualmente testando la nuova funzione in Australia, dove spesso la celebre App per incontri ha messo alla prova i nuovi prodotti prima di proporli fuori al resto del mondo.

Gli utenti che pagheranno per Boost spingono il loro profilo nella parte superiore dello schermo per 30 minuti, in modo che gli altri utenti della stessa zona abbiano maggiori probabilità di vederlo. I profili possono ottenere fino a 10 volte più visualizzazioni, assicura un rappresentante della società attraverso un post sul blog ufficiale dell’applicazione.

Tinder Boost vuole rendere le cose ancora più facili a chi paga

Con Tinder Boost, gli utenti possono massimizzare il loro tempo e abbinare il potenziale per essere uno dei profili più visti nella propria area con il semplice tocco di un tasto”, ha detto un responsabile di Tinder TechCrunch. “Con 1,4 miliardi di utenti collegati al giorno sulla nostra piattaforma, a volte i nostri utenti vogliono essere sicuri che il proprio profilo non passi inosservato. Pensiamo che i nostri utenti in Australia ameranno questa funzione e speriamo di rilasciarlo a livello globale nel più breve tempo possibile. “

Il prezzo di questa nuova funzione di Tinder al momento è ignoto

Tinder non ha ancora optato per un prezzo esatto per la funzione, ma TechCrunch prevede che sarà costosa. Del resto questa tariffa deve essere abbastanza abbordabile per permettere alla gente di utilizzarla effettivamente, ma abbastanza costosa per non essere alla portata di tutti. Infatti se ognuno è in grado di usare questo ‘trucco’, allora non sarà più efficace. Coloro che pagano un abbonamento Tinder inoltre riceveranno un Boost gratuito ogni settimana.

Leggi anche: Disney pensa ad un’offerta per acquistare il celebre social network Twitter

tinder app
tinder: nuova funzione a pagamento per la celebre App di incontri, i primi test in Australia.

Leggi anche: Whatsapp Facebook, il Garante della privacy apre un caso sul’inchiesta

Non si tratta di un’idea originale, già altri la usano

Un avvertimento: la nuova funzione può essere utilizzata solo in modalità Tinder e non in quella Social. A dire il vero, questa di Boost non è propriamente una novità. Infatti bisogna dire che sistemi simili sono già stati previsti da altri servizi di incontri come Match.com e OkCupid. Anche gli altri siti offrono a pagamento la possibilità di mettere in risalto il proprio profilo rispetto agli altri.

Ricordiamo anche che tutti e tre i siti di incontri, che vi abbiamo appena citato, sono di proprietà di IAC. Vedremo dunque se questa novità risulterà gradita ai tantissimi utenti di questa famosa App per incontri, considerata da molti come la numero uno del suo settore in questo preciso momento storico.