Truffa operatori telefonici, l’intervento dell’AGCOM

AGCOM, l’Autorità Garante per le Telecomunicazioni, è alle prese diverse denunce da parte di utenti che lamentano continui disagi ed inneggiano alla truffa, organizzata volutamente ed introdotta da parte di tutti gli operatori telefonici nazionali.

AGCOM, scattano le denunce e le sanzioni contro gli operatori telefonici

È trascorso un breve lasso di tempo da quando, lo scorso anno, gli operatori hanno deciso di comune accordo di introdurre la nuova tariffazione a 28 giorni per il rinnovo delle loro relative promozioni, e già il malcontento si è manifestato apertamente, registrando un elevato numero di segnalazioni da parte di utenti palesemente scontenti del metodo di agire delle loro compagnie telefoniche.Truffa-AGCOM

A seguito delle nuove delibere AGCOM si sono aperte dunque le controversie che hanno visto comunque l’uscita vittoriosa delle compagnie telefoniche nazionali. Un dato allarmante che pone in essere un +54% di denunce rispetto all’anno 2014.

Il 36% di queste è legato alle tariffe seguito a breve distanza dalle modalità di cambio operatore e dei relativi ritardi e disservizi. Sono ben 48,850 le sanzioni registrate nel solo primo semestre dello scorso anno. Un volume sanzioni che sfiora i 2,5 milioni di euro complessivi.

Una strategia, quella dell’AGCOM, che pare non toccare minimamente gli interessi delle compagnie che procedono speditamente e senza indugio verso le loro rotte commerciali platealmente scorrette nei confronti della clientela. Una vera e propria truffa perpetrata in piena regola senza colpo ferire.AGCOM-Truffa-Operatori

Forse per il mercato a rilento, forse per questioni che esulano dal nostro controllo, pare che gli operatori non siano interessati a mutare tale comportamento che porterà inevitabilmente ad altri episodi di denuncia. L’AGCOM, da parte sua, ha chiesto maggiore trasparenza nella fatturazione ed un deciso inasprimento della portata pecuniaria delle sanzioni.

Diteci la vostra esperienza esprimendovi attraverso i commenti e divulgate l’articolo sui social network. Fonte: AGCOM