Twitter lancia #JobFair: come trovare lavoro in 140 caratteri

Il web, si sa, offre una miriade di opportunità per guadagnare e trovare lavoro. I Social possono essere un’ottima fonte di lavoro, basta saperli sfruttare. Ci sono poi quelli come Linkedin, nati appositamente solo per questo scopo. Twitter non vuole essere da meno e ha lanciato un’interessantissima iniziativa per chi cerca lavoro: #JobFair. Il 19 maggio l’evento metterà in contatto le aziende di tutta Europa con gli utenti del Social dove si cinguetta, al fine di creare nuove opportunità professionali. Scopriamone di più.

Come funziona #JobFair su Twitter

#JobFair funzionerà così: il prossimo giovedì 19 maggio, le aziende twitteranno le proprie offerte di lavoro, al fine di selezionare i candidati più in linea con le posizioni aperte. Chi cerca lavoro, invece, dovrà rispondere a tali annunci sintetizzando il proprio curriculum vitae in soli 140 caratteri. Chi teme di non farcela, può comunque contare sull’aiuto di esperti del lavoro e della formazione professionale. Bisognerà dotarsi di capacità di sintesi e scrivere solo le esperienze lavorative più inerenti all’offerta per cui ci si candida.

twitter
#Jobfair su Twitter offre ottime occasioni

Dal canto loro, le aziende devono inserire nel Tweet dell’annuncio pure il proprio settore di pertinenza e il luogo dove si svolgerà il lavoro. Ad esempio, un’azienda con sede a Milano che si occupa di marketing, dovrà inserire nel Tweet anche hashtag come  #Marketing e #Milano. Cosicché chi cerca potrà trovare anche più facilmente cosa gli interessa.

Trovare lavoro su Twitter

Naturalmente, gli utenti di Twitter possono parlarne anche tra loro, darsi consigli e delucidazioni a vicende. Purché nel tweet si faccia sempre riferimento all’hashtag dell’iniziativa: #JobFair. Dunque, anche Twitter vuole inserirsi nella competizione tra Social in materia di opportunità lavorative e già in passato ha lanciato altri #JobFair. Sebbene questo del 19 maggio sia il primo che coinvolge l’Italia. Non resta che fare a quanti ci proveranno il nostro più sentito “In bocca al lupo!”.