Uber: da oggi a Pittsburgh servizio disponibile con auto a guida autonoma

A Pittsburgh l’epoca delle vetture dotate di sistema di auto-guida sembra sia già cominciato. Uber da oggi 14 settembre 2016 comincerà ad accettare passeggeri nelle sue auto a guida autonoma, per un test  che servirà per sviluppare una flotta di veicoli autonomi che potrebbero un giorno traghettare flotte di passeggeri nei centri delle città più affollate. La società ha dato il via Martedì ad un test per i giornalisti, utilizzando circa due dozzine di berline Ford Fusion, che gli ingegneri hanno dotato di dispositivi luce-mapping, radar, sensori e telecamere.

Per ora, un dipendente di Uber rimane dietro al volante allo scopo di intervenire se il sistema di auto-guida della vettura fa un errore. “Credo davvero che la cosa più importante nei prossimi 10 anni è lo sviluppo della tecnologia per le automobili con guida autonoma,” ha detto Anthony Levandowski, leader del team di Uber che sta lavorando alle vetture con guida autonoma. I dipendenti Uber appositamente addestrati a far salire e scendere passeggeri di Pittsburgh si impegnano ad offrire il proprio contributo per questa sperimentazione considerata fondamentale per lo sviluppo di questa tecnologia. Il servizio per il momento sarà gratuito e dunque chi si offre per fare da test potrà usufruire di una corsa completamente gratis.

Secondo quanto riporta USA TODAY, dopo un test drive effettuato da un proprio giornalista, il viaggio della vettura con pilota automatico si è svolto senza intoppi tra le strade affollate di Pittsburgh.  In diverse occasioni, la macchina ha consigliato il controllo al conducente quando una situazione è troppo complessa per gli algoritmi della vettura, come ad esempio quando un veicolo era parcheggiato indietro nella corsia di destra. Gli operatori sono istruiti per afferrare vagamente il volante in ogni momento e devono essere pronti a subentrare immediatamente in qualsiasi momento, con segnali acustici e gli indicatori di colore sul cruscotto che fornisce un preavviso.

Leggi anche: Tesla: dalla Cina arriva avversaria temibile nella corsa alla guida autonoma

uber
uber: da oggi a Pittsburgh l’auto a guida autonoma diventa realtà

Un touch-screen sul sedile posteriore mostra le informazioni per i passeggeri. Pittsburgh è la patria delle nuove tecnologie avanzate grazie al Center di Uber, che è gestito da molti ex ricercatori della Carnegie Mellon University, che sono stati reclutati da Uber. Ma è anche una città buona per testare le automobili con  auto-guida, con la sua combinazione di ponti, pedoni, ciclisti, guida in città, ferrovie e il cattivo tempo, che ha storicamente tormentato i veicoli a guida autonoma almeno fino a questo momento. 

Secondo Raffi Krikorian, capo del Centro di Tecnologie Avanzate di Uber: “Se possiamo davvero padroneggiare la guida a Pittsburgh, allora sentiamo fortemente che abbiamo buone possibilità di padronanza anche nella maggior parte delle altre città di tutto il mondo.” Nelle ultime settimane, la strada per lo sviluppo di auto a guida autonoma si sta rivelando più impervio del previsto con problemi che stanno riguardando Apple, Google e Tesla. Nonostante ciò tutte le principali case automobilistiche stanno procedendo con le varie versioni di guida autonoma. Il più grande ostacolo al raggiungimento totale dell’autonomia è rappresentato dalla gestione di una piccola percentuale di scenari che un essere umano capisce e una macchina non comprende a pieno.

Leggi anche: Google vuole fare concorrenza a Uber? ecco come stanno davvero le cose