USB Killer: ecco come affumicare un PC in una manciata di secondi

USB Killer è il nome di un progetto relativamente nuovo poichè arrivato alla fase di sperimentazione 2.0. Trattasi di un semplice drive USB in grado di mandare fuori uso il proprio sistema.

USB Killer- La chiave USB per attacchi stealth

Tranquilli non stiamo parlando di una nuova arma di distruzione di massa… oppure no? Dovremo in realtà parlare più di una memoria di massa che diventa un’arma visto il potenziale che ne scaturisce dal suo utilizzo. Con USB killer infatti gli attacchi a sistemi informatici sono silenti e rapidissimi. Ve lo assicuriamo, non avrete nemmeno il tempo di accorgervi che il vostro PC è diventato una bistecchiera elettronica di ultima generazione.

usb killer

Questo il progetto di sintesi messo a punto dal ricercatore Dark Purple (blog ufficiale) affascinante dal punto di vista dell’ingegnerizzazione ma senz’altro lesivo dal punto di vista pratico. Un gadget, l’USB Killer, da veri Sherlock Holmes che potrebbe però provocare non pochi danni in ambienti dove di certo non vige alcun controllo se in mani sbagliate. Il dispositivo scarica infatti attraverso la porta USB un potenziale negativo di ben -220V servendosi di condensatori collegati ad un convertitore DC/DC che porta a zero il suo potenziale scaricandolo sulle componenti del Personal Computer sin quando questo non fonde letteralmente le sue parti interne. Il processo USB Killer si ripete sino al momento in cui sul condensatore non giunge più alcuna tensione di carica e quindi sin quando tutto l’hardware collegato non viene fuso. Ricordiamo per dover di cronaca che la prima versione era in grado di scaricare dai pin del condensatore una carica negativa in tensione pari a -110V. Questa nuova versione dell’USB Killer, ribattezzata USB Killer 2.0 ne sviluppa il doppio grazie al nuovo controller di tensione DC/DC. Qui trovi il video che mostra in azione l‘USB Killer.

Nessuna possibilità di recupero. Tutto viene irrimediabilmente perso. Dalle porte USB fino ai circuiti interni della Motherboard. L’unico rimedio è, come sempre in questi casi, il buon senso. Non accettate quindi chiavette USB arbitrariamente dal primo sconosciuto che, anche se esenti da malware, possono provocare danni ben più gravi. FATE ATTENZIONE !!!