Video shock sul Samsung Galaxy Note 7: testimonianza di un utente miracolato

Nelle ultime ore ha preso corpo l’idea che il Samsung Galaxy Note 7 possa realmente essere ritirato dal mercato, a maggior ragione dopo la decisione da parte di Samsung Olanda che ha deciso di sospendere i preordini dello smartphone. Insomma, per la prima volta l’ipotesi estrema per lo smartphone Android si è concretizzata anche in Europa, fermo restando che fino a questo momento non sono emerse comunicazioni ufficiali per quanto concerne il mercato italiano.

La questione è comunque delicata e va analizzata in ogni suo aspetto, a partire da quanto emerso in questi giorni negli Stati Uniti. Stiamo parlando del caso registrato nel Kentucky, in cui un uomo è stato svegliato nel cuore della notte dalla puzza di fumo, visto che il suo Samsung Galaxy Note 7 stava andando letteralmente a fuoco.

Proprio in queste ore è spuntato in Rete il video incentrato su questa segnalazione e l’intervista rilasciata dalla “vittima” la dice lunga sui pericoli legati all’utilizzo del Samsung Galaxy Note 7.

Secondo quanto riportato dall’uomo, Samsung lo avrebbe pressato per riavere indietro il device in modo tale da effettuare ulteriori controlli anche sui prodotti sostitutivi, dicendosi disposta a pagarlo. Insomma, un modo per gestire l’intera questione sottovoce, ma l’utente a quanto pare ha deciso di non accettare la proposta, anticipando all’azienda di voler procedere con azioni legali per quanto avvenuto.

A quel punto un ulteriore misfatto, visto che l’uomo pare abbia ricevuto un SMS per errore dall’assistente stesso, forse diretto ad un altro membro dello staff Samsung.
Nel messaggio si chiedono istruzioni da seguire per gestire la pratica, in cui emerge la volontà di minimizzare il nuovo caso riguardante il Samsung Galaxy Note 7.

Insomma, una figuraccia per il produttore coreano, se si pensa che il cliente in questione pare aver rischiato grosso, come emerge dal video al quale vi lasciamo.