Xiaomi Mi5: due versioni, con sensore d’impronte e tante similitudini con Samsung

Il successo ottenuto in questo 2015 da Xiaomi, grazie ad una serie di ottimi prodotti e partnership, passerà attraverso il consolidamento delle quote conquistate sul mercato smartphone europeo attraverso il futuro Xiaomi Mi5 su quale si stanno addensando i primi rumors.

Non è infatti un caso come il top di gamma asiatico sia divenuto, nelle ultime ore, protagonista di una serie di rendering che hanno provato non solo ad ipotizzare il design e le scelte di Xiaomi quanto anche le caratteristiche tecniche, con previsioni non suffragate da conferme ufficiali ma decisamente verosimili.

Design simile al Mi Note e con home button: Xiaomi Mi5 sfiderà Samsung?

Rendering Xiaomi Mi5
Rendering Xiaomi Mi5

Uno dei particolari saltati subito all’attenzione, in particolare sulla superficie anteriore, è proprio la presenza di un tasto Home dalle forme – oltre che dalla posizione – del tutto similari a quanto già visionato sugli smartphone Samsung. Un dettaglio non da poco se si pensa come al suo interno possa esser collocato, sempre secondo le indiscrezioni, un sensore per le impronte digitali oramai divenuto un must-have nei mobile devices di prossima generazione ma che non tutti hanno recepito allo stesso modo, come Motorola, pur di sottolineare un proprio carattere.

L’assenza di scelte precise, ispirate proprio al competitor per eccellenza nel panorama Android, verrebbe confermata dal design complessivo dello Xiaomi Mi5 che non differisce proprio dal predecessore Mi Note per il quale scocca anteriore e posteriore – oltre ovviamente il nome – avevano già al CES 2015 dato da pensare

Scheda tecnica Xiaomi Mi5: in arrivo due versioni, entrambe potenti e complete

Il meglio potrebbe però risiedere nelle specifiche tecniche, ipotizzate seguendo alcune indicazioni emerse nel tempo negli ambienti prossimi al colosso cinese sempre più internazionale grazie all’influenza dell’ex Google, Hugo Barra.

Xiaomi Mi5 potrebbe equipaggiarsi con un processore Qualcomm Snapdragon 820, una CPU quad-core a 64-bit, sdoppiandosi in due modelli rispettivamente corredati da 3GB RAM/32GB storage e 4GB RAM/64GB storage per assecondare le diverse necessità professionali senza però tradire una tradizione che da sempre non privilegia l’espansione di memoria. A completare il quadro vi sarebbero un display FullHD da 5.2 pollici, con doppia fotocamera di cui la posteriore da ben 16 megapixel, tutte le connettività incluso il nuovo standard per la porta USB Type-C ed alimentato da una batteria da ben 3.600 mAh.

Versione Android e presentazione ufficiale

Com’è facile prevedere vista la presenza del sensore d’impronte ed il lancio nel 2016, pur in assenza di conferme, Xiaomi Mi5 vanterà quasi sicuramente Android 6.0 Marshamallow con la nota personalizzazione dell’interfaccia MIUI.

Diverso è invece il discorso relativo la possibile presentazione che, tra dichiarazioni ufficiali e voci di corridoio, dovrebbe avvenire tra le fine di Gennaio e l’inizio di Febbraio tra CES e MWC 2016.

Fonte: PhoneArena