YouTube: negli Usa supera l’audience della TV

In base ad una nuova rilevazione che è stata realizzata dai ricercatori di Nielsen su commissione di Google, attualmente la piattaforma per il video streaming YouTube, che è appunto una proprietà del colosso di Internet,  a quanto pare avrebbe superato la televisione tradizionale per quanto concerne il numero di spettatori. Il dato in questione si riferisce ovviamente al mercato americano. Questo dato viene considerato da molti come a dir poco rivoluzionario.

Susan Wojcicki, amministratore delegato di Youtube controllata di Google, durante una riunione avvenuta di recente con gli inserzionisti, ha pure confermato che nel corso della prima serata, che come tutti sappiamo rappresenta per le Tv un momento fondamentale della giornta, YouTube finirebbe per ottenere un pubblico maggiore rispetto alla somma di quanto raccolto dai primi 10 programmi Tv messi insieme negli Stati Uniti.

Leggi anche: YouTube: arrivano i Bumper Ads, pubblicità che non puoi saltare

La notizia di per se’ è molto positiva per Youtube, che però al momento in termini di pubblicità se paragonata a quanto raccolgono le Tv americane muove cifre molto inferiori dunque il paragone regge solo in termini numerici ma non di monetizzazione. Proprio per questo motivo l’obiettivo sarà quello di cercare di trarre maggiore profitto rispetto a quanto fatto fino ad ora.

YouTube
YouTube: supera le Tv in America come numero di telespettatori

Ancora esigui gli introiti pubblicitari di Youtube rispetto alle Tv

Nonostante tra il 2014 e il 2015 YouTube sia riuscito ad incrementare il proprio fatturato notevolmente, i suoi bilanci sfiorano appena il pareggio. Questo nonostante vi sia stato iìun incremento di circa un miliardo di dollari, il servizio riuscirebbe a produrre non più del 6% delle entrate di Google derivanti dall’advertising.

Questo avviene in seguito al fatto che la maggior parte dei ricavi derivano dalla condivisione dei video del celebre portale su altri siti come ad esempio Facebook, mentre le visualizzazioni che deriverebbero direttamente dal portale e che rappresenterebbero la modalità grazie alla quale potrebbero essere generati la maggior parte dei ricavi, risulterebbe al momento ancora assai esigua.