Samsung si appresta a chiudere, in modo definitivo, la questione legata al Galaxy Note 7, il phablet top di gamma subito ritirato dal mercato a causa dei ben noti problemi di surriscaldamento. Nonostante i numerosi inviti da parte dell’azienda a restituire il dispositivo, sono ancora molte le unità di Note 7 attive, custodite dagli acquirenti forse per ragioni di collezionismo.

In ogni caso, Samsung nei prossimi giorni darà il via al rilascio di un nuovo aggiornamento software per il Galaxy Note 7 che, di fatto, renderà inutilizzabile lo smartphone portando a zero la capacità della batteria e disabilitando qualsiasi possibilità di ricarica. Ricordiamo che nelle scorse settimane la casa coreana aveva già limitato la capacità della batteria tramite un update. I modelli europei ancora in circolazione, ad esempio, non possono ricaricare la batteria più del 30%.

galaxy-note-7

Entro l’8 di gennaio tutti gli operatori americani rilasceranno quest’ultimo aggiornamento per il Galaxy Note 7 che sarà, di fatto, completamente inutilizzabile. Samsung Malesia, in queste ore, ha confermato che tutti gli esemplari di Note 7 venduti nelle sue aree di competenza smetteranno di funzionare domani 31 dicembre. I pochi esemplari di Galaxy Note 7 ancora disponibili in Europa dovrebbero andare incontro, nel corso dei prossimi giorni, alla stessa sorte con un aggiornamento specifico che disabiliterà la batteria del terminale.

Leggi anche: Samsung Note 7 nonostante tutto è più usato di oneplus 3t ed lg-v20-messi insieme

Il consiglio per tutti i possessori di Galaxy Note 7 è di restituire quanto prima il terminale anche per evitare il rischio di malfunzionamenti che potrebbero causare il surriscaldamento dello smartphone. Maggiori dettagli su questo nuovo update in arrivo per i Note 7 ancora attivi dovrebbero arrivare già nel corso delle prossime ore. Continuate a seguirci per saperne di più.