wifi timesync

Il Consumer Electronics Show 2017 ci sta rendendo partecipi di una serie di innovazioni ed introduzioni che non vertono soltanto sulle produzione di nuovi sistemi digitali ma, inoltre, anche nuovi standard di connettività WiFI che consentiranno di beneficiare di un sistema combinato di sincronizzazione su più device.

Il progetto, portato avanti dall’ente internazionale di certificazione, la WiFi Alliance, ha pertanto stabilito la presenza attiva di un sistema chiamato WiFi TimeSync da utilizzarsi nel momento in cui, sulla stessa rete, coesistessero più device verso i quali si intende proiettare uno streaming audio- video.

Di fatto, il nuovo standard supporta appieno i canali di trasmissione audio multicanale e wireless video senza degradazione del segnale in uscita, lag o problemi di sorta legati ad un fattore di trasmissione via etere. I benefici, ad ogni modo, non sono rivolti nella sola direzione multimediale, in considerazione del fatto che sarà anche possibile provvedere ad un dialogo bidirezionale migliorato tra elettrodomestici e, quindi, tra tutte le apparecchiature intelligenti esistenti in casa, oltre che con monitor, sensori ed altri oggetti.wifi timesync

Una spiegazione (in lingua originale) è stata fornita dagli addetti in sede di Conferenza Stampa, così come riportato integralmente qui di seguito:

Wi-Fi TimeSync brings standards-based technology to device synchronization and enables a seamless experience across a variety of components. Multiple wireless speakers, headphones, video displays, and sensor devices can render precision output. Wi-Fi TimeSync operates in both infrastructure and peer-to-peer mode, providing flexibility when Wi-Fi networks are not available.

Coma naturalmente si può intuire, si resta in attesa di router adeguati allo scopo, i quali consentano dunque di portarsi alla compatibilità verso lo standard TimeSync WiFI. In tal senso, la nostra rete riporterà ad una nuova dimensione d’efficienza. E tu, che cosa ne pensi al riguardo?

LEGGI ANCHE: Un’unica rete WiFi attreverserà tutta l’Italia: dal 2017 si potrà navigare gratis