galaxy s8 doppio schermo

Samsung una ne pensa e cento ne fa. Ma anche viceversa. E lo dimostra l’altissimo numero di brevetti che ha depositato lo scorso anno, superando colossi informatici come Ibm e Intel. Nonché depositando un numero di brevetti quattro volte superiore a quelli di Apple per quanto concerne i brevetti approvati e cinque volte superiore a quelli del colosso di Cupertino per quanto riguarda quelli solo registrati. Qui l’articolo con la classifica completa. Samsung ovviamente non intende fermarsi nel 2017 ed è emerso un brevetto molto accattivante con doppio schermo, di cui uno costituito da una finestrina solo per il testo. Lo vedremo sul Galaxy S8? Ecco di cosa si tratta.

Brevetto Samsung con doppio schermo e finestrina per testo

A riportare la notizia il sempre attento sito olandese GalaxyClub che ci mostra anche un’immagine in bianco e nero con due cuccioli di cane dolcissimi. La foto ci mostra un display classico grande e un display rettangolare piccolo in alto, una sorta di finestrina, dove appare solo testo. Il suo nome è S View. Un’altra immagine ci mostra invece il fronte-retro completo dello smartphone brevettato.

galaxy s8 doppio schermo samsung brevetto doppio schermo

L’idea dunque è che nel secondo schermo piccolo appaia il testo relativo alle immagini che scorrono, ma può essere anche utile per leggere notifiche di messaggi di testo quando lo schermo grande è spento. Con ottimi vantaggi per il risparmio energetico. Del resto, con app come WhatsApp, Snapchat e Messanger Facebook, ce ne arrivano decine al giorno.

Leggi: Samsung e Harman, potrebbe saltare matrimonio: motivi e ripercussioni

Vedremo il doppio schermo su Galaxy S8?

Naturalmente la domanda sorge spontanea: vedremo questo doppio schermo Always On Display sull’attesissimo Galaxy S8? Sembra molto difficile. Forse impossibile, anche visto l’approssimarsi della sua uscita. Più probabile che sarà destinato per una linea di smartphone specifica o magari per un ipotetico Note 8 o Galaxy S9. La sua utilità è comunque palese. Non credete?