Dopo le numerose anticipazioni emerse nelle scorse settimane, debutta oggi in via ufficiale la nuova versione di Google Voice. Si tratta, a conti fatti, di un restyling completo che riguarda sia la versione web del servizio, accessibile tramite un comune browser, che le applicazioni per smartphone e tablet (Android ed iOS).

Spiegare cos’è Google Voice non è semplice, possiamo semplificare dicendo che è una sorta di servizio Voip ottimizzato per il cellulare, integrando però moltissime altre funzioni avanzate, dalla segreteria al text to speech. La cosa unica di Google Voice è che può raggruppare sotto un unico numero più device differenti. L’idea in pratica è che il recapito telefonico sia collegato alla persona e non ad un device.

Con il nuovo major update di oggi, la UI di Google Voice è stata completamente ridisegnata. Il servizio ora presenta un nuovo stile ispirato, in modo evidente, dalle linee guida del Material Design, il linguaggio stilistico che caratterizza tutti i prodotti di Google da diversi anni.

Con il completo restyling, Google Voice è ora più ordinato ed immediato. Gli utenti potranno tenere in ordine la propria inbox con schede separate per messaggi, chiamate e voicemail e viene, inoltre, inserito il supporto allo scambio di messaggi di gruppo. Gli utenti potranno, inoltre, inviare MMS con immagini allegate, una funzione richiesta da tantissimi utenti nel corso degli ultimi mesi. 

La nuova versione di Google Voice, come detto in apertura, è disponibile sia per dispositivi mobili che via web. Il rollout non è però ancora completo. Al momento, infatti, il servizio di Google non è ancora disponibile in Italia. La casa americana, infatti, rilascerà gradualmente queste novità che, in futuro, saranno disponibili per tutti gli utenti. Le tempistiche del debutto nel nostro paese sono però ancora sconosciute.

Leggi anche: Ricordate Google Plus? Non è morto, anzi è pronto alla riscossa

Lo sviluppo di Google Voice ha registrato una netta accelerazione in questi ultimi mesi, dopo diversi anni di totale abbandono, che avevano fatto ipotizzare un’integrazione del servizio in Google Allo o in Hangout. Con la nuova versione di Google Voice, il colosso americano mette a disposizione degli utenti ben quattro app distinte (Allo, Duo, Hangouts e Voice) per la messaggistica e le chiamate. Nonostante i rumors, un possibile congiungimento di queste app appare ancora piuttosto improbabile. Ulteriori dettagli sulle novità per le app di Google potrebbero emergere nel corso delle prossime settimane.