pac-man
Un pezzo di storia, Pac-Man ha cambiato il mondo.

Il 22 maggio 1980 non è una data qualsiasi nella storia dei videogiochi. Tanti sono i titoli che hanno lasciato un segno profondo, ma quel giorno otto tecnici diedero vita a Pac-Man. Dietro a questo successo c’è Masaya Nakamura, numero uno di Namco, marchio leggendario nella storia videoludica. Da allora niente fu come prima, una creazione che portò soldi e notorietà a questo personaggio fatto a forma di torta, famoso per la sua fame e le fughe da fantasmini.

Un gioco semplice, la cui eredità resta ancora ben visibile nel corso degli eventi, tanto da farne quello che con tutta probabilità è il videogioco icona per antonomasia. Dal lancio di Pac-Man sono passati ormai 37 anni, a 91 si è spento Mister Nakamura, a tutti gli effetti il padre di questo titolo leggendario. Una notizia che lascia un enorme vuoto. Ripercorriamo insieme le tappe di un successo senza tempo.

Il papà di Pac-Man se ne è andato

Il genio di Tohru Iwatani inventò il piccolo personaggio giallo, ma su Nakamura a darci il dome Pac-Man, servendosi del suono “pac” per descrivere il suo sgranocchiare palline. Un gioco dalla meccanica semplice, che si svolge in un labirinto costellato di palline da mangiare, a complicare la questione quattro fantasmini contraddistinti da diverse caratteristiche.

pac-man
Un pezzo di storia, Pac-Man ha cambiato il mondo.

Tre vite a disposizione, mangiare alcune palline speciali permette di ribaltare lo schema “cacciatore-preda”, inseguendo i fantasmini per poi mangiarli, facendoli dunque ripartire dalla gabbia all’interno del livello. Un successo in sala giochi, un trionfo nelle console domestiche che in quegli anni spiccavano il volo.

LEGGI ANCHE Nintendo Classic Mini NES hackerato: giochi raddoppiati

Tanti i sequel prodotti nel corso degli anni, è stato il gran successo della carriera di Nakamura, che ha lasciato l’azienda nel 2002. Una carriera strepitosa, che gli è valsa la nomina di cavaliere all’Ordine del Sol Levante, un grande onore in Giappone. L’uomo d’affari, stando a quanto reso noto dall’azienda, se ne è andato il 22 gennaio scorso.