playstation plus

In queste ore, Sony ha iniziato ad inviare agli utenti iscritti al servizio Playstation Plus, che permette di giocare online con PS4 e di ricevere giochi gratis ogni mese su tutte le console Sony, una e-mail in cui viene annunciato la rimodulazione dei prezzi per l’abbonamento. 

Per i videogiocatori non si tratta però di notizie positive. Sony, infatti, ha deciso di alzare i prezzi del servizio Playstation Plus per le tre possibili sottoscrizione “1 mese”, “3 mesi” e “1 anno”. Il nuovo listino prezzi entrerà in vigore dal 31 agosto prossimo. 

A partire da tale data, quindi, l’abbonamento annuale al Playstation Plus passerà da 49,99 Euro a 59,99 Euro di listino. L’abbonamento trimestrale, invece, registrerà un incremento da 19,99 Euro a 24,99 Euro. Per concludere, l’abbonamento mensile incrementa da 6,99 Euro a 7,99 Euro. A conti fatti, chi è abituato a rinnovare la sua sottoscrizione ogni anno pagherà 10 Euro in più mentre chi sceglie il rinnovo trimestrale pagherà 5 Euro in più.  

Chiaramente chi ha già un abbonamento Playstation Plus attivo non subirà alcuna modifica sino alla scadenza naturale della sottoscrizione. Allo stesso modo chi deciderà di rinnovare il proprio abbonamento entro il 31 agosto continuerà a sfruttare l’attuale listino prezzi. 

Con questo aggiornamento, Sony riallinea il costo dell’abbonamento annuale al Playstation Plus a quello del servizio Xbox Live Gold, ovvero 59,99 Euro. Da notare, invece, che il Live Gold di Microsoft in versione trimestrale costa, di listino, 19,99 Euro mentre il mensile ha un costo di 6,99 Euro. 

Sony ha informato gli utenti che non desiderassero rinnovare l’abbonamento di disattivare, 48 ore prima che il pagamento sia dovuto, il rinnovo automatico dalle impostazioni del proprio account Playstation.

Ricordiamo, in conclusione, che in molte occasioni durante l’anno, Sony sconta il prezzo dell’abbonamento con promozioni a tempo e che online è possibile acquistare i codici per rinnovare l’abbonamento ad un prezzo inferiore rispetto al listino. E’ chiaro che l’incremento dei prezzi di listino comporterà un incremento anche dei prezzi promozionali.