Esercitarsi regolarmente e mangiare sano: le regole del perder peso. Ma cosa fare se ancora non si riesce a perdere peso? Forse, un’analisi approfondita del nostro vater è ciò di cui abbiamo effettivamente bisogno – almeno secondo gli scienziati. E sì, avete letto bene. I ricercatori dell’Università di Copenhagen ne sono talmente convinti da aver condotto un piccolo studio per vedere se le nostre feci potrebbero offrire indizi su come “spargere” il nostro grasso testardo per il corpo o, addirittura, eliminarlo.

Secondo quanto sostengono i ricercatori, i nostri batteri intestinali possono svolgere un ruolo più importante nella perdita di peso di quanto pensiamo. “I batteri intestinali umani sono legati alla crescente prevalenza del sovrappeso e dell’obesità e gli scienziati hanno iniziato a indagare se i batteri intestinali possano svolgere un ruolo nel trattamento del sovrappeso“, ha dichiarato Arne Astrup, dell’Università di Copenaghen. E aggiunge: “Ma è solo ora che abbiamo una svolta che dimostra come alcune specie batteriche svolgano un ruolo decisivo nella regolazione e nella perdita di peso“.

Lo studio ha coinvolto alcuni soggetti per provare diverse diete. Trentuno individui sono stati invitati a seguire la nuova dieta nordica (ricca di cereali integrali, pesce grasso, frutta e verdura) per 26 settimane, mentre 23 hanno seguito la dieta media danese. I nuovi dietisti nordici hanno perso una media di 3,5 kg, mentre quelli che seguivano la dieta media danese hanno perso una media di 1,7 kg.

L’effetto era quello cambiare tipo di dieta, da una media danese alla nuova nordica per le persone con un basso/alto livello di batteri Prevotella rispetto ai batteri Bacteroides. I ricercatori hanno quindi diviso i partecipanti per il livello dei loro batteri intestinali. E si è trovato che quanti hanno una percentuale elevata di batteri Prevotella avevano perso più peso dopo aver seguito la nuova dieta nordica rispetto a quelli che consumavano una dieta media danese. I soggetti con una percentuale minore di batteri Prevotella rispetto ai Bacteroides non hanno perso alcun peso aggiuntivo sulla nuova dieta nordica.

Si ritiene che circa il 50% della popolazione danese abbia una elevata percentuale di batteri Prevotella rispetto ai batteri Bacteroides. “Lo studio dimostra che solo la metà della popolazione perderà il peso se mangia secondo le raccomandazioni nazionali sulla dieta danese e consuma più frutta, verdura, fibre e cereali integrali“, ha dichiarato Mads Fiil Hjorth, dell’Università di Copenaghen. “L’altra metà della popolazione non sembra avere alcun vantaggio nel peso da questo cambiamento di dieta“.

I ricercatori ritengono che l’attenzione dovrebbe essere rivolta sulla guida personalizzata della perdita di peso basata su biomarcatori come “campioni fecali, campioni di sangue o altri campioni del nostro corpo, che molto dicono sul nostro stato di salute e dovrebbero svolgere un ruolo molto più importante nella guida nutrizionale”.

La ricerca è pubblicata sul Journal of International Obesity.