iPhone X AppleCare+

Ieri abbiamo assistito al rilascio dei nuovi sistemi, iOS 11, watchOS 4 e tvOS 11. Apple li ha decantati tanto nel corso delle sue presentazioni. Sia in quella di giugno che in quella tenuta pochi giorni fa. I pareri riguardo il nuovo software sono discordanti. Come sempre entrano in gioco diversi fattori. In questo caso conta molto il gusto personale. Ciò che però bisogna dire è che anche per quanto riguarda i software, parliamo di iOS 11 in questo caso, Apple è riuscita a creare un bel po’ di confusione. Per la prima volta vengono infatti a differenziarsi le funzionalità sui vari modelli di iPhone. E’ una scelta che la casa della mela morsicata ha dovuto adottare per permettere l’integrazione del dispositivo borderless. C’è da dire che queste “migliorie” possono risultare scomode sugli altri dispositivi.

Un esempio pratico è l’apertura del centro di controllo. Sugli attuali modelli bisognerà scorrere dal basso dello schermo verso l’alto per richiamarlo. Per iPhone X invece bisognerà scorrere dall’alto dello schermo verso il basso. Ma non in un punto qualsiasi, bensì sono nell’angolo destro perchè altrimenti si richiama il centro notifiche. Penso che abbiate potuto comprendere quando la situazione sia diventata confusionale. Altra caratteristica alquanto scomoda a mio avviso riguarda proprio il centro notifiche. Richiamandolo infatti, il telefono sembrerà apparentemente bloccato. In realtà non è così in quanto se si prova a tirar su la tendina il telefono ritornerà sulla schermata Home. Questa scelta potrebbe creare anch’esse delle confusioni e potrebbe addirittura causare problemi di sicurezza del dispositivo.

Apple: iOS 11 delude, watchOS 4 no

Quelle citate sono solo alcune delle caratteristiche del nuovo aggiornamento software che a primo avviso sembrano essere alquanto fastidiose. Discorso differente possiamo invece fare per quanto riguarda watchOS 4. Questo infatti risulta dare realmente una marcia in più al dispositivo. Le piccole migliorie come la funzione torcia, a mio avviso utilissima, e la diversa disposizione delle app fanno del nuovo Apple watchOS 4 una vera e propria scelta vincente. Ovviamente, bisogna considerare che tutte queste informazioni vanno considerate variabili in quanto si tratta di impressioni dopo un breve periodo di utilizzo (1 giorno). E’ anche vero che bisogna aspettare del tempo per abituarsi alle nuove caratteristiche dei dispositivi, ma per ora iOS 11 non soddisfa.

Apple ha cercato di valorizzare il suo prodotto top di gamma, iPhone X, ma facendo ciò ha inabilitato tutti i dispositivi precedenti, compreso iPhone 8. Non penso sia stata una scelta adatta. C’è da dire che non sono il solo a manifestare disappunto su alcune delle scelte prese  dall’azienda per il nuovo iOS 11. Basta dare un occhiata ai social per rendersi conto che non pochi utenti sono rimasti insoddisfatti dell’upgrade. E’ una faccenda alquanto triste. Dopo la botta del super prezzo di iPhone X, questa non ci voleva proprio. Apple sta tirando un po’ troppo la corda e gli utenti potrebbero stufarsi.

iOS 11
iOS 11 ha deluso buona parte degli utenti Apple. Molte delle caratteristiche che sono state introdotte portano a creare confusione tra i diversi prodotti. Le novità sono state pensate per calzare alla perfezione con il nuovo iPhone X. Purtroppo però questo va a discapito dei modelli precedenti. Discorso diverso si può fare invece per watchOS 4. Il nuovo aggiornamento dà una marcia in più all’orologio di Cupertino.

Gli utenti Apple non sono soddisfatti dei cambiamenti

Quello che sto dicendo non riguarda solo i nuovi aggiornamenti o il costo di iPhone X. E’ capitato infatti, anche un altro evento che nelle ultime ore ha fatto storcere il naso a tutti i possessori di iPhone. A quanto pare, infatti, l’azienda della mela morsicata ha deciso di aumentare il listino relativo ai costi di riparazione dei melafonini.

iPhone X produzione pieno regime 2018
iPhone X è solo uno dei prodotti che ha subito un grosso aumento di prezzo. Anche gli iPad, in maniera silenziosa, sono aumentati di prezzo. Il colmo però si è raggiunto nelle scorse ore quando è giunta notizia, direttamente dal sito ufficiale della mela, che i prezzi per le riparazioni dei vari iPhone hanno subito una lievitazione.

Quindi, non solo bisogna pagare ogni anno sempre di più per acquistare un iPhone, ma bisogna sborsare più denaro anche quando lo dobbiamo riparare. Non c’è bisogno di dire che appena la notizia è uscita, tutti gli utenti possessori di iPhone hanno lanciato pesanti frasi di disappunto sui vari social. Se l’intento di Apple era quello di far parlare di sè, sicuramente c’è riuscita a pieni voti.

Apple aumenta i costi di riparazione dei vecchi iPhone 

La notizia è di poche ore fa e viene direttamente dal sito ufficiale della mela morsicata. I costi di riparazione aumentano per tutti i modelli di iPhone fino alla versione 4s. Non si tratta di un’aumento sostanziale ma di circa 20 euro rispetto al listino precedente. Nonostante si tratti di una cifra oggettivamente piccola, sommata al costo precedente va a formare un prezzo complessivo piuttosto alto. E’ per questa motivazione che molti utenti si sono infuriati sul web puntando il dito contro Apple. Soprattutto per quanto riguarda gli utenti italiani il conto è molto salato.

Non è questo l’unico caso di aumento di costi. Anche i diversi modelli di iPad Pro hanno subito un aumento del prezzo negli ultimi tempi. Si ricordi inoltre che anche i nuovi iPhone, nel nostro paese sono più cari. Secondo una statistica, il nuovo iPhone X raggiunge il prezzo più alto proprio in Italia.

nuova tabella Apple
Ecco la nuova tabella relativa ai costi di riparazione dei vari modelli di iPhone. Bisogna notare che molti modelli di iPhone hanno subito un aumento nei costi di 20 euro rispetto al listino precedente. Gli unici risparmiati al rincaro sono iPhone 6 e i modelli da 4 pollici. I costi per danni non relativi allo schermo arrivano fino a 450 euro.

Bisogna dire che non è tutta colpa di Apple in quanto ci sono di mezzo anche le tasse. Ciò non toglie che i prezzi continuano ad aumentare per tutti i tipi di prodotti e si presume che la situazione continuerà ad essere così anche per i prossimi anni. Ricordiamo che i prezzi sono aumentati per coloro che non hanno copertura dal piano AppleCare+.

Come abbiamo accennato, i modelli coinvolti vanno dal più anziano iPhone 4s e arrivano fino ad iPhone 7. I precedenti prezzi riguardo la sostituzione dello schermo vedevano un costo di circa 160 euro per tutti i modelli fino ad iPhone 7 escluse le versioni Plus. Per queste ultime versioni, infatti, il costo era di circa 180 euro. Discorso differente per quanto riguarda l’anziano iPhone 4s che prevedeva un costo generico di circa 240 euro. Si trattava di prezzi consistenti che sicuramente potevano bastare all’azienda della mela. 

Anche il nuovo iPhone 8 è stato aggiunto al listino

Però Apple non è mai contenta e ha deciso che quelle cifre erano troppo basse e così come è solita fare con tutti i suoi prodotti, a poco a poco le aumenta. Sarà che questa scelta è stata fatta in vista dei più costosi modelli di iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X ? Resta comunque inspiegabile il perchè dell’aumento del costo dei device precedenti. Il modello borderless dei nuovi melafonini non è stato ancora inserito nella lista dei costi. Si presuppone però che il prezzo di riparazione per questo specifico modello sarà molto alto.

Nel frattempo è stato introdotta la cifra per quanto riguarda i nuovi iPhone 8 e iPhone 8 Plus. Sempre per quanto riguarda il fronte del display serviranno 180 euro per la versione standard e addirittura 200 euro per la versione Plus. Per non parlare della voce “altri danni”. Se il danno appartiene a questa categoria potrete arrivare a spendere fino a 450 euro per la sostituzione del vostro dispositivo.

iphone8 resistenza acqua
i nuovi iPhone 8 sono stati introdotti nel listino dei costi di riparazione di Apple. Ci vogliono ben 200 euro per sostituire il display del nuovo iPhone 8 Plus. Solo 20 euro in meno per iPhone 8. Per quanto riguarda la voce altri danni i costi sono ancora maggiori, serviranno infatti più di 400 euro per riparare entrambi i modelli. Ancora non sono stati resi noti i costi per iPhone X ma sicuramente saranno molto alti.

Apple vuole incentivare la vendita di AppleCare+

Pensiamo che la mossa sia stata attuata da Apple per permettere un incremento di vendite della sua garanzia AppleCare+. Come già detto prima, infatti, i costi relativi alle riparazioni per questa specifica garanzia rimangono invariati. In tutti i modelli serviranno solamente 29 euro per la sostituzione dello schermo e 99 euro per la risoluzione di altri danni. La batteria sarà sostituita gratuitamente. Chi invece non è coperto da AppleCare+ dovrà sborsare 89 euro.

Questa potrebbe essere una situazione transitoria, infatti, il tutto potrebbe cambiare nel momento in cui verranno messi in commercio i nuovi iPhone X. Il modello da più di mille euro ha un costo per quanto riguarda le componenti decisamente più alto rispetto agli altri modelli di iPhone attualmente in vendita. Di conseguenza anche i prezzi delle riparazioni cresceranno. A questo punto sarebbe davvero opportuno pensare all’acquisto di una garanzia AppleCare+ che anche quella per iPhone X supera 200 euro. Beh che dire, a buon intenditore poche parole.

Fonte: Apple.com