contaminazione-luminosa

L’illuminazione artificiale notturna sta contribuendo a un allarmante aumento dell’inquinamento luminoso, sia in termini di quantità che di luminosità. Questa colpisce numerose aree in tutto il mondo. Alcune regioni registrano un aumento costante di questo tipo di inquinamento, legato allo sviluppo economico. Inoltre, i paesi più sviluppati – che si pensava fossero “oscurati” dall’uso di luci a LED a risparmio energetico – non mostrano alcuna diminuzione apparente dei loro tassi di inquinamento luminoso.

In tutto il mondo, è stato promosso l’uso di fonti di energia più efficienti, come le luci a LED. Ma questo ha contribuito di poco all’allarmante aumento dell’inquinamento luminoso. Utilizzando il primo radiometro satellitare calibrato specificamente per le luci notturne – e in grado di rilevare l’abbagliamento – un team di scienziati ha scoperto che l’illuminazione artificiale esterna sulla Terra è aumentata del 2,2% ogni anno tra il 2012 e il 2016. “Sono rimasto molto sorpreso dall’esito dello studio, in particolare nel caso di paesi ricchi e ben illuminati come gli Stati Uniti“, ha detto Christopher Kyba, del Centro di ricerca geoscienze tedesco (GFZ) e autore principale dello studio. “Quando cambiamo la lampada per un LED bianco, ciò che osserviamo è una diminuzione della quantità totale di luce che il satellite può registrare. Ma quello che abbiamo visto per gli Stati Uniti era fondamentalmente una somma costante di luce: nuove luci sono state aggiunte in altri luoghi“, ha spiegato.

In molti altri paesi sviluppati, che sono già molto luminosi, il team ha notato anche un aumento della quantità totale di luce, anche se molte città sembrano “oscurarsi” quando si passa alla tecnologia LED. Come gli Stati Uniti, alcuni dei paesi più luminosi del mondo – come Spagna, Italia e Paesi Bassi – hanno mostrato una stabilità dei livelli di luce esterna durante lo stesso periodo. Lo studio ha inoltre evidenziato un consistente aumento dell’illuminazione in Sud America, Africa e Asia, con alcune eccezioni in regioni come lo Yemen e la Siria, che hanno mostrato una diminuzione a causa di conflitti e guerre.

Perché l’inquinamento luminoso è pericoloso?

Lo studio ha concluso che un costante aumento di uso di luci risparmio energetico, economiche e facilmente accessibili, porta ad un maggiore inquinamento luminoso, oltre a ridurre i cicli di luce diurna naturale. L’inquinamento luminoso è una minaccia per il 30% dei vertebrati e più del 60% degli invertebrati, ovvero animali notturni, tra cui piante, microrganismi. E, ciò che è più allarmante è la sua influenza sulla salute umana.

La luce bianca a LED è stata collegata alle alterazioni nei modelli di sonno. Inoltre, è stato scoperto che il bagliore colpisce la vista. L’anno scorso, l’American Medical Association ha pubblicato una dichiarazione ufficiale sull’illuminazione stradale con luci a LED, raccomandando un livello di radiazioni e temperatura del colore meno dannose per la salute.

Lo scorso agosto, un’indagine dell’Università di Harvard ha rilevato che c’è un aumentato rischio di cancro al seno nelle donne che vivono in quartieri con maggiore illuminazione esterna. Questo risultato è stato attribuito all’aumento di luminosità durante le ore notturne, perché il corpo attende la luce durante il giorno e l’oscurità durante la notte.