Apple: da aprile solo app con supporto nativo al display di iPhone X

In queste ultime ore, l’azienda Apple ha diffuso un comunicato agli sviluppatori, affermando che – a partire da aprile 2018 – tutte le nuove app presentate all’App Store dovranno supportare il display Super Retina di iPhone X. Questo significa che i programmatori di nuove applicazioni dovranno assicurarsi di essere in grado di adattarsi alla caratteristica “tacca” dell’attuale melafonino e di sfruttare al meglio la superficie dello schermoOLED da 5,8 pollici.

Il colosso di Cupertino non ha fissato una scadenza per quando le app esistenti dovranno effettuare i dovuti aggiornamenti utili a supportare nativamente iPhone X. Tuttavia, l’azienda ha diffuso la novità  in una e-mail nella quale incoraggia l’adozione delle ultime funzionalità di iOS 11 come Core ML, SiriKit e ARKit, nella quale si legge il seguente testo:

“iOS 11 ha portato caratteristiche innovative e ridisegnato l’ App Store per centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo. Le vostre applicazioni possono offrire esperienze più intelligenti, unificate e coinvolgenti con Core ML, ARKit, le nuove API della fotocamera, i nuovi domini SiriKit, l’ integrazione Apple Music, il drag and drop per iPad e molto altro ancora. A partire da Aprile 2018, tutte le nuove app iOS presentate all’ App Store devono essere realizzate con l’ SDK iOS 11, incluso in Xcode 9 o versioni successive. Tutte le nuove applicazioni per iPhone, comprese le app universali, dovranno supportare il display Super Retina di iPhone X”.

Ad ogni modo, richiedere la compilazione con l’SDK iOS 11 non significa necessariamente che le app debbano supportare nuove funzionalità, ma garantisce che gli sviluppatori di nuove app utilizzino i più recenti strumenti di sviluppo Apple, il che aiuta a evitare che l’App Store nel suo complesso diventi impraticabile, incoraggiando così l’adozione di funzionalità all’avanguardia.

Le regole non sono molto importanti fino a quando Apple non richiederà ulteriori aggiornamenti per supportare anche iPhone X e il sistema SDK di iOS 11, in quanto gli stessi rappresentano la maggior parte dell’ App Store. D’altronde, gran parte degli sviluppatori che realizzano nuovi applicativi si rivolgono già ad iPhone X come priorità assoluta.