albero

Gli abitanti della remota isola Campbell, a sud della Nuova Zelanda, lo conoscono come l’albero più solitario del mondo, e hanno ragione. L’albero più vicino, infatti, si trova a 200 km nelle isole Auckland. Ora, questo gigante di oltre 100 anni è diventato la chiave per riscrivere la storia dell’umanità.

L’albero è un abete Sitka (Picea sitchensis), una specie tipica dell’Alaska remota e la terza varietà di conifere più grande del pianeta. Qualcuno lo piantò nel 1901. Da allora, non ha smesso di crescere ad un tasso approssimativo di un centimetro all’anno. Che cosa ha a che fare un albero con i libri di storia? La risposta è nei suoi anelli.

Un team di ricercatori dell’Università di Londra ha analizzato la composizione chimica e radioisotopica degli anelli di questo albero solitario (praticando una piccola incisione innocua per la pianta). Con essa, ha scoperto che l’abete rosso di Campbell Island è “il chiodo d’oro” mancante con il quale stavano cercando di delimitare una volta per tutte quando l’età dell’uomo o dell’antropocene è iniziata in termini geologici.

albero

Ma cos’è un chiodo d’oro in geologia? 

Il chiodo d’oro è riconosciuto dalla Commissione Internazionale di Geologia. L’origine di questi chiodi dorati risale a qualcosa di remoto e lontano dalla geologia come la ferrovia, in particolare alla costruzione delle grandi linee ferroviarie che univano la costa orientale con la costa occidentale degli Stati Uniti. L’oro calvo, o bullone, fu l’ultimo a essere posto su queste linee e fu il taglio del nastro per le linee più importanti del paese.

Il fatto che un posto al mondo possieda un chiodo d’oro è dovuto al fatto che questo sito ha condizioni geologiche speciali e molto ben definite. Quindi, un chiodo d’oro definisce di solito un limite geocronologico nel modo più preciso esistente in tutto il pianeta. È, in breve, il riconoscimento di un singolo campione che ci consente di determinare senza alcun dubbio il cambiamento tra un’epoca e l’altra. Il chiodo dorato dell’Olocene, ad esempio, è un campione perforato nel ghiaccio dell’Antartico che ha permesso di analizzare i cambiamenti nell’atmosfera terrestre. L’unghia dorata del Cretaceo-Paleogene è una roccia trovata in Tunisia che contiene tracce di iridio a seguito dell’impatto del meteorite che uccise i dinosauri. Ci sono 64 di questi chiodi sparsi in tutto il mondo.

I periodi geologici, in breve, non sono determinati dal caso, ma in termini di risultati significativi, e l’albero di Campbell Island lo è proprio perché è il più remoto del mondo. Nei suoi anelli ci sono tracce di ciascuno dei test nucleari che l’uomo ha fatto sul pianeta, anche se erano lontani. Queste tracce appaiono per la prima volta nel 1963, proprio l’anno in cui l’esecuzione di test nucleari atmosferici fu bandita in tutto il pianeta. La data segna, in breve, il chiodo d’oro dell’antropocene, il momento in cui l’essere umano ha iniziato a cambiare il pianeta su scala globale.

Il test è stato appena pubblicato e la Commissione Internazionale di Geologia lo ha già accettato come il candidato perfetto per essere il chiodo d’oro dell’antropocene, ovvero il campione che permetterà finalmente di includere questa era nella scala cronostatigrafica internazionale. La mappa delle epoche del pianeta ha un nuovo livello, dunque, e tutto grazie a un albero solitario su un’isola del Pacifico.