Cos'è Vero e perché tutti ne parlano? Dettagli sulla rivale di Instagram

Vero è una nuova applicazione per i social media che vanta un’esperienza utente libera da pubblicità e “più autentica”. L’app prende il nome dalla nostra parola italiana “verità”.

L’ applicazione focalizzata su immagini e video è simile a Instagram e sta attirando l’attenzione di fotografi, videografi e influencer dei social media. È anche fan del design perché i post sono visualizzati in ordine cronologico, invece di essere ordinati da un algoritmo come quello Instagram recentemente adottato.

Secondo Slate, Vero è stato ufficialmente lanciato nel 2015, ma l’app sta guadagnando popolarità nelle ultimi due settimane grazie al passaparola tra i fan dei social media. Ora è la seconda app più popolare dell’App Store di Apple e si trova in cima al grafico delle app gratuite di Google Play.

Come funziona Vero?

Proprio come tutti i social, gli utenti possono seguire altri utenti sull’app (come marchi o celebrità), o connettersi con le persone che conoscono. È necessario associare le connessioni a una delle tre categorie: amici stretti, amici o conoscenti. È possibile controllare chi vede i propri post su Vero, rendendoli visibili solo ad amici stretti o aprendoli a tutti sull’app.

La pagina di ricerca permette agli utenti di trovare persone e hashtag, così come i media che sono stati condivisi con loro dai loro amici. I messaggi inviati da coloro che si seguono sono filtrati nel feed “Collezioni” e ordinati in categorie, da foto e video a libri. C’è anche una pagina di notifiche e una sezione “Chat, simile alla messaggistica privata su altre piattaforme di social media. 

Vero è a pagamento?

Vero in precedenza ha dichiarato che i suoi primi milioni di utenti avranno accesso gratuito all’app per poi introdurre un abbonamento a pagamento. Tuttavia, dopo che l’app ha recentemente superato il milione di utenti, riscontrando qualche problema tecnico negli ultimi giorni a causa dell’ improvvisa impennata degli interessi, Vero ha annunciato che avrebbe esteso la sua offerta “free for life” a causa di “interruzioni del servizio” fino a nuovo avviso.

Vero non ha ancora reso noto quanto potrebbe costare un futuro piano di abbonamento, ma l’azienda afferma che le informazioni saranno presto disponibili. Secondo Vero, il modello di business basato sull’abbonamento dell’app è stato concepito per consentire alla stessa di rimanere senza pubblicità. Nel suo documento, la società sostiene che i suoi clienti sono utenti piuttosto che inserzionisti. Al contrario, la maggior parte delle aziende di social media come Facebook e Instagram fanno soldi attraverso la pubblicità.

Chi ha inventato Vero?

Il CEO di Vero è Ayman Hariri, co-fondatore dell’ azienda. Hariri è un miliardario e figlio dell’ex Primo Ministro libanese Rafic Hariri, assassinato nel 2005. Secondo un portavoce di Vero, Ayman Hariri viveva negli Stati Uniti al momento dell’incidente e poi è tornato in Arabia Saudita per sostenere la sua famiglia.

Mettendo da parte il passato del CEO, diverse persone hanno sottolineato che alcuni dipendenti di Vero sembrano essere russi. Dati i tentativi della Russia di utilizzare i social media per influenzare le elezioni presidenziali del 2016 negli Stati Uniti, alcuni si chiedono se sia saggio fidarsi di un’applicazione per social media con potenziali legami russi.

“Siamo fortunati a lavorare con un team di persone di talento provenienti da tutto il mondo. Come quasi tutte le aziende tecnologiche globali, anche noi includiamo sviluppatori con sede in Russia, oltre a talenti negli Stati Uniti, in Francia, Germania e nell’Europa dell’Est”, ha dichiarato un portavoce di Vero al Time.