microonde

Facciamoci caso: quante volte ci capita di avere un pasto frugale e di dover portarsi il cibo da casa in contenitori di plastica? Questa abitudine sta diventando più comune tra quanti portano il loro cibo non solo sul posto di lavoro – in contenitori di plastica dura, noti come tupper, che sono facili da trasportare e utilizzare. 

Questi, quando riscaldati nel microonde, rilasciano una sostanza chimica chiamata bisfenolo A (BPA), che viene trasferito nel cibo e può aumentare il rischio di obesità, specialmente negli uomini. L’ammonimento è quello di un ricercatore del Dipartimento di immunologia dell’Istituto di ricerca biomedica dell’UNAM, Jorge Morales Montor.

microonde

 

Un rischio per la salute

Mentre i contenitori sono popolari perché sono facili e pratici da trasportare con il cibo della giornata, secondo il ricercatore del BPA questi sono composti di base nella fabbricazione di plastica dura. Viene rilasciato, quando riceve calore dal forno, questo elemento che può rivelarsi nocivo per la salute. E questo perchè riesce ad arrivare al cibo e chi lo consuma ingerisce anche questo composto organico che aumenta la probabilità per la persona di aumentare di peso. Il motivo è che si tratta di un fattore che promuove l’accumulo di grasso addominale, specialmente negli uomini.

Si tratta di un composto organico che si aggiunge alla catena di fattori di rischio per lo sviluppo di obesità, dal momento che gli studi hanno evidenziato come nei ​​topi maschi l’effetto sia stato proprio questo. E hanno potuto constatare come, in 15 settimane, siano ingrassati di 5 grammi, che per un topo è molto più di quanto ci si aspetterebbe.