Facebook e la questione sicurezza

Si è trattata di una brutta settimana per Facebook, anche se dopo quello che è successo in questi mesi tutto questo non risulta neanche così grave. I crash della piattaforma degli scorsi giorni avevano indispettito diversi utenti, ma mai quanto un’altra scoperta fatta di recente. Apparentemente, il social è stato sotto attacco da parte di alcuni hacker i quali sono riusciti a fare breccia attraverso i sistemi di sicurezza messi in piedi dalla società.

La notizia è trapelata all’esterno quando venerdì mattina molti utenti si sono trovati disconnessi dal proprio account. In molti l’avranno notato, io personalmente mi sono ritrovato a rimettere i dati. Ignari del motivo, gli sfortunati avranno rifatto l’accesso inserendo i dati per poi continuare con le proprie vite. La spiegazione è arrivata successivamente dal fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg.

 

Questione di sicurezza

La violazione da parte di sconosciuti ha messo in pericolo i dati privati di numerosi utenti. Una volta che gli esperti sono riusciti a risolvere la falla presente sulla piattaforma, la successiva mossa è stata quella di disconnettere i possibili account a rischio di furto dati.

Attraverso un post pubblicato sul proprio profilo personale, Zuckerberg ha annunciato che l’operazione salva ha coinvolto oltre 90 milioni di account divisi in due gruppi. 50 milioni sembrano essere quelli che sono stati colpiti direttamente dall’attacco hacker. Gli altri 40 milioni invece erano stati momentaneamente estromessi per precauzione. Tutti questi hanno fatto uso della funzione Visualizza nel momento in cui è stato introdotto la vulnerabilità.

Si tratta circa del 9% degli account del social network visto che gli iscritti al social sono oltre 2 miliardi. Al momento non è chiaro se i crash del sito sono collegati a questo avvenimento.