Ad aprile, si è parlato molto della caduta della stazione spaziale cinese Tiangong-1 sulla Terra. Il suo rientro nell’atmosfera, in pratica, destò molto spavento. La maggior parte degli abitanti del nostro pianeta, infatti, era spaventata dal fatto che un oggetto stava precipitando sulle nostre teste in modo incontrollato. Nessuno sapeva dove potevano cadere molti dei detriti. 

Fortunatamente, tutto si risolse con una caduta nell’oceano e tutti hanno respirato il sollievo. Ora, la Cina ha rivelato che questa situazione si ripeterà.

 

Una nuova caduta di una stazione spaziale cinese

L’agenzia spaziale cinese ha annunciato che anche la stazione spaziale Tiangong-2 cadrà sul nostro pianeta, ma questa volta c’è più controllo sulla sua fatale discesa. “La stazione spaziale Tiangong-2 ha adempiuto alla sua missione durante i due anni della missione ed è in buone condizioni“, ha detto Lin Xiqiang, vice direttore dell’ufficio cinese di ingegneria spaziale, in una dichiarazione ai media cinesi. “Sarà in orbita entro luglio 2019. Poi la abbandoneremo“.

 

Maggiore controllo verso il basso

Quando Tiangong-1 è uscito dall’orbita, questo è accaduto senza alcun intervento a Terra. Gli scienziati cinesi hanno completamente perso il contatto con la navicella spaziale due anni prima che orbitasse. Lì era in balia della gravità, mentre girava attorno al pianeta. Questa volta, Tiangong-2 è ancora sotto controllo e gli ingegneri possono decidere quando e dove orbitare.

La stazione spaziale Tiangong-2 è stata lanciata nel 2016. La Cina dice di aver esaurito la sua utilità e questa è la ragione della fine della sua missione. La stampa cinese ha riferito che la stazione ha effettuato un totale di 14 “progetti” per l’agenzia spaziale durante la sua breve vita. Quando sarà il momento di disattivarla, gli ingegneri sceglieranno probabilmente un’area remota dell’Oceano Pacifico per la caduta.