Space X Elon Musk Cina Falcon 9

In attesa dei primi viaggi intorno alla luna e quelli per raggiungere Marte,SpaceX sta continuando ad effettuare dei test e delle vere e proprie missioni con i razzi Falcon 9. Domani, domenica 7 ottobre, la compagnia ne farà partire uno il quale sarà il primo ad atterrare sulla costa occidentale statunitense, più precisamente a Vandenberg in California. Lo scopo attuale della missione è quello di portare un satellite argentino in orbita; sicuramente qualcosa di meno affascinante dei viaggi interstellari, ma comunque utile.

Ecco le parole dei funzionari dell’Air Force: “Questo sarà il primo tentativo di atterraggio di SpaceX nella Base Aerea di Vandenberg. I residenti locali possono vedere il primo stadio del Falcon 9 che ritorna a Vandenberg AFB, incluse molte ustioni del motore associate all’atterraggio. Nel tentativo di atterraggio i residenti delle contee di Santa Barbara, Ventura e San Luis Obispo possono sentire uno o più boom sonici.”

 

Verso le stelle e ritorno

Uno dei vanti, se non il vanto, della compagnia è quello di riuscire a far atterrare i razzi piuttosto che vederli distrutti alla fine delle missioni. Attualmente il conto degli atterraggi è quasi vicino alla trentina dimostrando che il recupero è fattibile; si tratta di un risparmio oltre che ad essere più ecologico. La maggior parte di questi sono stati fatti usando piattaforme galleggianti mentre gli unici con destinazione terra ferma sono stati effettuati a Cape Canaveral in Florida.

Rispetto a quest’ultimo, Vandenberg presenta una differenza sostanziale. In entrambi i casi la piattaforma di lancio non è la stessa di quella di atterraggio. In Florida la distanza tra le due e di chilometri mentre in California sono appena 400 metri e questo aggiunge difficoltà al tutto a causa della traiettoria del razzo.

Il lancio verrà effettuato alle 19.21 ora locale di domenica che per noi si traduce cone le 02.21 di lunedì mattina.