moda-smartphone

Aurélie Fontan, una giovane stilista premiata, ha conquistato una pietra miliare nel mondo della moda creando la prima collezione di alta moda del mondo progettata e prodotta attraverso uno smartphone. Aurélie si è unita a Samsung per utilizzare il Galaxy Note 9 nelle sette principali fasi di creazione e produzione della prima collezione di Mobile Couture al mondo. 

Il dispositivo è stato utilizzato per creare schizzi, comunicare in modalità wireless con nuovi strumenti di produzione, stampare allegati di dispositivi 3D e dipingere a distanza i modelli di tessuto di questa collezione eccentrica. Ha inoltre consentito ad Aurélie di accelerare l’intero processo di prototipazione e sviluppo sincronizzando le app con i fornitori, nonché attraverso la possibilità di connettersi a loro o modificare le loro creazioni ovunque si trovino.

Con un’attenzione particolare al design, le parti Mobile Couture offrono un’alternativa al sistema mondiale della moda veloce e massimizzano la potenza e il potenziale della tecnologia digitale e mobile. I pezzi finali sono stati realizzati con una combinazione di pelli riciclate e accessori di fissaggio in plastica 3D biodegradabili, con l’intero processo di riproduzione della durata di sei settimane.

La S Pen del Note 9 ha offerto alla stilista la precisione e il controllo durante la creazione di bozzetti, mentre potenti capacità di elaborazione e di archiviazione del dispositivo possono connettersi direttamente con strumenti tecnologici innovativi per accelerare, modificare e innovare durante lo sviluppo e la produzione finale – tutto con un’attrezzatura che si inserisce in una tasca. Ad esempio, Note 9 ha accelerato il processo di prototipazione di circa il 40% e la raccolta è stata creata in otto giorni, invece dei soliti 14 giorni.

 

Come è stato usato Galaxy Note 9

La fotocamera e la S Pen sono state utilizzate per cercare, annotare e mantenere l’ispirazione del quaderno digitale di Aurélie. Grazie alla durata della batteria di un’intera giornata e alla grande capacità di archiviazione, Aurélie può accedere e lavorare sul suo album da disegno mobile, ovunque l’ispirazione le provenga.

Le forme delle parti, i modelli di tessuto e gli accessori di fissaggio sono stati progettati con S Pen, come una matita su un foglio di carta, sul grande display da 6,4″ di Note 9. I disegni dei sistemi di chiusura delle parti complesse sono stati ricreati in un’app chiamata OnShape* che crea disegni stampabili in 3D.

Il processo di stampa 3D è stato monitorato in tempo reale attraverso il dispositivo, consentendo ad Aurélie di modificare il disegno quando necessario. I modelli di tessuto sono stati inviati in modalità wireless a Joto X, un dispositivo di disegno digitale robotico estremamente avanzato che trasferiva i motivi sulla pelle dei pezzi.

Note 9 è stato progettato per offrire potenza, prestazioni e produttività ai creatori alla ricerca di uno smartphone che permetta loro di lavorare e intrattenere tutto il giorno. Con la durata della batteria per un giorno, una memoria da 512 GB espandibile fino a 1 TB (più della maggior parte dei laptop); un processore 10nm; supporto per velocità di rete più veloci; e l’iconica S Pen con controllo Bluetooth, i limiti di questo smartphone sono stati testati nella produzione di questa collezione.

Aurélie Fontan ha spiegato in questi termini la sua esperienza: “come persona la cui creatività è guidata dal potenziale della tecnologia e della scienza, è stata un’esperienza molto interessante scoprire che c’era uno smartphone che ha avuto la capacità di controllare l’intero processo di produzione di una collezione. Le mie idee erano ambiziose e l’obiettivo era quello di sfidare i processi tradizionali“.