Sin dai migliaia di anni fa le stelle sono sempre state un punto di riferimento, soprattutto per la navigazione notturna. Alzando gli occhi verso il cielo di notte è possibile vedere le numerose stelle che lo compongono. In base all’inclinazione della Terra e al moto degli altri pianeti, in alcuni periodi dell’anno con condizioni meteorologiche favorevoli è anche possibile vedere i pianeti più vicini come Marte e Venere.

L’11 giugno 2008 la NASA lanciò in orbita il telescopio Fermi, progetto a cui collaborano anche Italia, Francia, Giappone e Svezia. Il telescopio dedicato al grande scienziato italiano del secolo scorso Enrico Fermi, si differenzia dagli altri telescopi per l’utilizzo di raggi gamma. L’osservatorio è formato da due grandi strumenti, uno per rivelare segnali a grande area e un altro per i lampi gamma.

L’osservatorio è stato creato per studiare le radiazioni gamma emesse dai pianeti invisibili all’occhio umano. In occasione del decennale del lancio nello spazio, la NASA commemora le grandi scoperte del telescopio.

 

 

Dieci anni di GLAST

In dieci anni GLAST ha scoperto l’emissione di raggi gamma di numerose supernove e pulsar, nonché costellazioni vicine ai buchi neri. In questi anni sono stati fatti importanti progressi riguardo la scienza dei raggi gamma nell’Universo. Ne sono un esempio la misurazione della componente ad alta energia dei raggi o l’esistenza di stelle di neutroni e ancora la storia dell’Universo.

Per celebrare il decimo compleanno il team ha pensato di giocare con tutte le mappe formulate dai dati del satellite. Ricordate il gioco “unisci i puntini” dei giornali? La base sta qui. Sono state selezionate 21 nuove stelle, buchi neri e bolle scoperte dal satellite per creare una nuova mappa interattiva commemorativa dei dieci anni e di fatti e strumenti importanti.

Come migliaia di anni fa guardando il cielo si vedevano forme di animali molto comuni per l’epoca, ora si associano immagini attuali.

Mentre l’agenzia aerospaziale americana celebra il compleanno del satellite in un modo insolito, in Italia tutti sono stupidi dai grandi risultati raggiunti e a tal proposito dichiarano:

A 10 anni dal lancio Fermi è in grado di sorprendere con risultati senza precedenti. L’apparato è ancora perfetto e funziona egregiamente