vita-aliena

La vita extraterrestre, se esiste, potrebbe essere “stranamente simile alla vita che vediamo sulla Terra“, sostiene Charles Cockell, professore di astrobiologia all’Università di Edimburgo, in Scozia. Nel suo nuovo libro “The Equations of Life: How Physics Shapes Evolution“, lo scienziato suggerisce la teoria di una “biologia universale”, cioè la vita sulla Terra potrebbe darci il concetto della vita nell’universo.

 

In aria e in acqua

Le leggi della fisica sono le stesse ovunque, dice Cockell. La gravità, per esempio, è onnipresente nel nostro sistema solare. Le molecole organiche, sulla Terra o altrove, si disintegrano alle alte temperature. Il carbone e l’acqua sono ottime sostanze per la creazione della vita.

Questi limiti negano la possibilità di un “grande cambiamento” nell’aspetto degli esseri viventi in tutto l’universo, afferma l’autore del libro. “Le leggi della fisica danno alle forme viventi forme limitate, limitano la portata dell’evoluzione, la vita extraterrestre può avere molte somiglianze con la vita qui“, dice lo scienziato.

L’esperto fa l’esempio dell’oceano. Lì, “creature con corpi sottili e idrodinamica” predominano per ovvi motivi: muoversi rapidamente nell’acqua. Delfini, squali e l’ittiosauro estinto hanno un aspetto abbastanza simile.

Sulla superficie terrestre, la maggior parte degli animali è dotata di arti per muoversi. In aria, invece, “si osservano le leggi che governano l’aerodinamica“.

Tuttavia, le eccezioni non possono essere negate. I serpenti scivolano senza arti, ma la maggior parte della vita “è delimitata da regole che possono essere sorprendentemente legate“.