pietre

Ogni mitologia ha i suoi manufatti leggendari, ma le pietre con proprietà misteriose di un altro mondo sono le più comuni nelle diverse civiltà. Dalla credenza vichinga relativa al tuono alla creazione di pietre (i cosiddetti “thunderstones”) all’Ordine medievale dei Lapidari, che credeva che le gemme potessero scongiurare il male, praticamente ogni cultura crede in qualche leggenda sulle pietre mistiche.

Alcune di queste leggende si sono dimostrate così radicate nella nostra cultura che, oggi, le riconosciamo automaticamente. Un esempio è quello della pietra filosofale, il gioiello di alchimia che è in grado di trasformare il piombo in oro e produrre l’elisir di lunga vita, rimasto così universalmente rilevante da essere un obiettivo importante di opere diverse come i libri di Harry Potter, i manga Japanese Fullmetal Alchemist e diversa cinematografia. La pietra filosofale divenne persino il titolo di un album di Van Morrison.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg. Le pietre ricercate dai supereroi di oggi sono note per il loro potere di piegare le leggi della natura e sono gioielli che potrebbero dare il controllo del proprietario sulle maree, per esempio. I Romani sostenevano addirittura di possedere questo tipo di artefatto immergendo nell’acqua una pietra speciale nota come lapis manalis nella speranza che questo portasse la pioggia in un rituale noto come aquaelicium.

Sebbene sia difficile dire se queste leggende abbiano avuto un’influenza sugli scrittori di fumetti di oggi, la loro copertura geografica fa notare che le pietre mistiche non appartengono a nessuna particolare cultura, ma provengono dal profondo della coscienza umana collettiva. Quindi, la vera domanda non è se queste gemme leggendarie siano così comuni in tutto il mondo, ma perché. Secondo gli scritti dello storico delle religioni George F. Moore, le pietre hanno ereditato un ruolo di significato religioso all’inizio della storia umana. “Il culto delle pietre sacre è una delle più antiche forme di religione di cui abbiamo prove e uno dei più universali”, scrive Moore in American Journal of Archaeology, “la loro sopravvivenza nella superstizione popolare si è rivelata quasi inestirpabile“.

pietre

Moore spiega che le pietre hanno guadagnato una determinante posizione nel mondo divino come altari i primi credenti, con una particolare predilezione per le pietre di enormi dimensioni o che avevano qualcosa di particolare, in quanto si credeva che fossero state scolpite in modo intenzionale dalle mani delle forze divine.

La presenza di questo tipo di pietra sacra è comune a un certo numero di religioni, antiche e contemporanee, come gli Sledovik della Russia o la Pietra Nera ancora venerata dall’Islam. Tuttavia, uno dei primi documenti scritti viene dai greci, che hanno più volte menzionato le pietre di Baetylia, forse le prime “pietre dell’anima”. Si credeva che queste pietre avessero dentro di sé la forza vitale degli dei, con uno spirito che potesse dare loro la possibilità di muoversi di propria volontà e, in alcuni casi, persino di parlare.

È comprensibile che i popoli antichi adorassero queste pietre considerando che, di tanto in tanto, sarebbero davvero cadute dal cielo. Per coloro che non avevano ancora esplorato i segreti della galassia, una pioggia di meteoriti sarebbe stata sicuramente vista come una benedizione della natura. All’epoca, infatti, qualsiasi meteorite avrebbe avuto un collegamento al divino.

Ci sono prove che gli Inuit della Groenlandia hanno cercato di sfruttare meteoriti che cadevano nella regione di Cape York attraverso l’estrazione. I ricercatori dicono addirittura che uno dei pugnali trovati nella tomba di Tutankhamon sarebbe stato fatto di ferro prelevato da una meteora, a causa della sua insolita concentrazione di nichel, una tipica marca di ferro proveniente da fonti extraterrestri.

La cosa più affascinante è che, come il vibranio di Wakanda, queste antiche civiltà avevano buone ragioni per credere che i minerali prelevati da questi meteoriti avessero una qualità superiore rispetto ai materiali trovati sulla Terra. Nel caso dell’Egitto, molti dei manufatti realizzati con meteorite provengono da un periodo precedente alla divulgazione della fusione in ghisa, il che significa che l’ottone era ancora l’alternativa più comune.

 

La pietra oggi

Tuttavia, anche se oggi guardiamo le credenze più antiche su pietre e gioielli con la curiosità che è permessa solo vivendo nel tempo in cui viviamo e anche se la maggior parte di queste religioni sono morte, la vera fede nelle proprietà magiche delle pietre rimane.

I visitatori affollano il castello di Blarney, in Irlanda, per baciare una pietra nella speranza che gli dia una buona eloquenza. La leggendaria Stone di Londra è conservata al sicuro in un museo con la leggenda che la sua rimozione causerebbe il collasso della città. Torciamo il naso nelle pratiche medicinali medievali, ma esiste un mercato online in crescita per “pietre curative”, come l’ametista o l’acqua di mare, una versione moderna della medicina lapidaria.

D’altra parte, vale la pena notare che la nostra devozione alle pietre non è affatto infondata. Anche se non abbiamo le pietre che ci permettono di domare le maree, minerali come la silice possono essere usati per accendere il fuoco, e il quarzo, con proprietà di generare tensione, ha dato agli esseri umani un certo grado di padronanza degli elementi.

Anche lontani dalla convinzione che alcune pietre potrebbero respingere i veleni quando vengono usate intorno al collo, gli integratori minerali si sono rivelati molto utili nel trattare una varietà di malattie nella medicina moderna. Questo è certamente meno mistico delle nostre superstizioni arcaiche, ma forse queste applicazioni più pratiche delle pietre hanno lasciato un segno indelebile sull’umanità.