black-friday-schiavitù

Come ogni venerdì dopo il Ringraziamento, i negozi di tutto il mondo offrono sconti sui loro prodotti. Una sorta di “fuori tutto”  con prezzi davvero abbordabili. E anche un appuntamento che si è ben radicato sul calendario che ha le sue origini negli Stati Uniti e abbiamo finito l’importazione. E così, come ogni Black Friday, la rete pullula di messaggi che collegano la nascita di questo giorno di sconti con la vendita di schiavi neri

Alcuni utenti di Twitter hanno sostenuto che il nome di questa ricorrenza sia dovuto al giorno dopo in cui i commercianti di schiavi del giorno del Ringraziamento li vendevano con sconti e prezzi ridotti. Questa tradizione è direttamente correlata all’inizio della schiavitù negli Stati Uniti. 

 

Cosa c’è di vero

La realtà non ha niente a che fare con ciò. La prima volta che il concetto è stato utilizzato risale al Venerdì nero del 1869 quando due esperti di finanza di Wall Street non riuscirono a fare un profitto della giornata (24 settembre) e il mercato andò in bancarotta.

Ma non è l’unica teoria dell’origine di questa data commerciale. Un’altra suggerisce che, dopo un anno di perdite, molti uomini d’affari americani dessero ai loro dipendenti il ​​giorno libero proprio il giorno dopo il Ringraziamento, che è sempre celebrato l’ultimo giovedì di novembre. Una ricorrenza per la quale molte famiglie hanno approfittato per fare acquisti e che, di conseguenza, ha fatto in modo che i conti dei negozi passassero da numeri in rosso a numeri neri, quindi profitti. 

La terza teoria collega il nome al termine coniato dagli agenti di polizia nella città di Philadelphia per riferirsi a un giorno in cui i cittadini sono scesi in strada per fare acquisti e causando il caos nelle strade, con ingorghi significativi. 

Quindi, no. Sebbene ci siano diverse ipotesi sull’origine del Black Friday, la schiavitù non ha nulla a che fare con una delle date commerciali più importanti dell’anno.