energia-sole

La Cina ha creato un “sole artificiale” che è molte volte più caldo della stella reale. Con l’aiuto del reattore Tokamak-EST, a Hefei, gli scienziati hanno riscaldato il plasma a 100 milioni di gradi Celsius. È un passo importante verso la creazione del reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER).

 

Che cosa fa il Tokamak?

La Cina, insieme ad altri 34 Paesi, tra cui la Russia, partecipa allo sviluppo del reattore sperimentale termonucleare internazionale. Per più di mezzo secolo, gli scienziati hanno studiato la possibilità di utilizzare la fusione termonucleare per ottenere energia. È una tecnologia potenzialmente rivoluzionaria. Tuttavia, fino ad ora è solo in fase di sviluppo: nessun Paese ha stabilito una fusione termonucleare controllata per produrre energia su scala industriale. Il problema principale è come isolare il plasma riscaldato fino a milioni di gradi dalle pareti del reattore. 

Per ottenere ciò, viene utilizzato Tokamak, in cui un campo magnetico contiene il plasma. Tuttavia, non è stato ancora possibile mantenere il plasma caldo isolato per molto tempo. Nell’esperimento in corso, i cinesi hanno tenuto caldo a 100 milioni di gradi per un tempo record di 10 secondi.

All’interno del progetto, sono sviluppate 68 tecnologie chiave che hanno formato molte innovazioni: per esempio, un grande magnete superconduttore, un deviatore tungsteno, ecc. Tutte queste tecnologie hanno ampie prospettive di applicazione pratica. “EAST aiuta a creare una base ingegneristica fisica e tecnologica per uno sviluppo più stabile, sicuro ed efficace di una tecnologia tanto avanzata quanto la fusione termonucleare“, ha spiegato uno degli esperti cinesi.

È il primo superconduttore sperimentale a sezione trasversale non circolare. Altre due importanti caratteristiche di EAST sono la sua alta conduttività e il raffreddamento attivo delle strutture interne. “Rispetto ad altre strutture di ricerca sulla fusione termonucleare controllata, l’Oriente è più strettamente legato al progetto del reattore sperimentale termonucleare internazionale“, ha detto Song Yuntao.

 

Elettricità della fusione termonucleare controllata

Secondo l’esperto, con esperimenti di fusione termonucleare, sono stati risolti alcuni problemi scientifici e tecnici “rivoluzionari”. Tuttavia, “quando si inizia ad analizzare i problemi e la scala, è chiaro che per generare elettricità, è necessario effettuare più di dieci, o anche diverse decine di progressi nella tecnologia della fusione“, ha ammesso.

Song Yuntao ha sottolineato che lo sviluppo della tecnologia di fusione non si basa esclusivamente su difficoltà scientifiche e tecniche. Il livello socio-economico di sviluppo impone anche alcune restrizioni. “Non c’è dubbio che la generazione di elettricità attraverso la fusione sia un obiettivo raggiungibile, ma quando si raggiunge questo obiettivo dipende in larga misura dal sostegno pubblico e dai bisogni della società in questa tecnologia“, ha affermato.

Se la fusione termonucleare trova finalmente applicazione pratica, le fonti tradizionali di energia – petrolio e carbone – rimarranno rilevanti per lungo tempo. “Quando la tecnologia di fusione termonucleare controllata sarà ampiamente utilizzata, la domanda pubblica di fonti energetiche tradizionali diminuirà significativamente, ma è un processo lungo; è ancora molto presto affinché sia possibile sostituire completamente le fonti energetiche convenzionali, sebbene questo sia il nostro obiettivo finale “, ha concluso l’esperto.