cambiamento-climatico

Un gruppo di scienziati della University of Arizona ha dimostrato che lo scioglimento dei ghiacciai rallenta il riscaldamento globale, ma porta anche ad un innalzamento dei mari e provoca cambiamenti nel regime delle piogge tropicali.

Il riscaldamento non sarà così veloce come pensavamo, ma l’innalzamento del livello del mare sarà peggiore“, ha detto Ben Bronselaer, primo autore dello studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature.

 

Previsioni

Modificando un modello al computer previsioni del cambiamento climatico, gli esperti hanno scoperto che le temperature saranno aumentare di due gradi Celsius per l’anno 2065, mentre le stime precedenti hanno indicato che questo aumento si verificherà per l’anno 2053. Secondo le spiegazioni degli esperti, l’acqua degli oceani “trasporta” il calore dall’equatore ai poli e poi passa nell’atmosfera. Tuttavia, l’acqua addizionale che appare a causa dello scioglimento “funge da copertura per le acque intorno all’Antartide e rallenta il rilascio di calore“.

L’intera Terra continuerà a riscaldarsi, ma l’atmosfera si riscalderà più lentamente, perché una maggiore quantità di calore sarà intrappolato nel mare“, si legge nella dichiarazione rilasciata sul sito web dell’università.

Il processo che rallenterà l’aumento delle temperature causerà, allo stesso tempo, un innalzamento del livello del mare. Secondo le stime dei ricercatori, le acque marine aumenteranno nel 2100 di circa 25,4 centimetri in più rispetto a quanto previsto in precedenza, quando furono calcolate 76,2 centimetri.

Allo stesso tempo, lo scioglimento influenzerà il clima in tutta la Terra e cambierà il regime delle piogge tropicali. “Le nostre previsioni indicano che la cintura di pioggia tropicale si sposterà verso l’emisfero settentrionale“, che determinerà che lì il tempo diventerà “un po’ più umido” e nel sud del mondo sarà “un po’ più asciutto“, ha specificato il collega e autore principale della ricerca, Joellen Russell.