sole-nanodiamanti

La Terra e gli altri pianeti del Sistema Solare saranno letteralmente attaccati da enormi quantità di sabbia, nanodiamanti e minerali, prodotti negli ultimi momenti della vita solare. Ma quale sarà il destino dei pianeti? “Abbiamo dimostrato che le esplosioni di supernova erano una delle fonti di polvere e di altri materiali solidi nel giovane universo. E’stato rivelato che non tutte le sue particelle sono distrutte da un’onda d’urto dopo la morte di una stella, circa il 20% sopravvive“, scrivono gli astronomi.

 

Esplosione stellare

Secondo le teorie moderne, in circa 4,5 o 5 miliardi di anni, il “combustibile nucleare” – riserve di idrogeno – del Sole si esaurirà, facendo bruciare l’elio dalla stella. Di conseguenza, il nucleo raggiungerà una temperatura estremamente elevata, mentre i suoi strati saranno ingranditi fino al punto di assorbire Venere e Mercurio, convertendo la Terra in una sfera incandescente senza vita

Spargendo tutti i gas, il Sole diventerà alla fine una nana bianca – un piccolo ma molto caldo corpo celeste che continuerà a brillare grazie al resto dell’energia conservata nel vecchio nucleo. Questo bagliore illuminerà le nuvole gassose intorno, trasformandole in un punto luminoso nel cielo notturno di altri mondi, cioè in una nebulosa planetaria.

Per quanto riguarda il destino del Sole, secondo Jeonghee Rho dell’Institute for Extraterrestrial Intelligence (SETI), al giorno d’oggi tutti hanno certamente visto che solo negli ultimi anni gli astronomi ha trovato centinaia di nebulose planetarie e migliaia di esplosioni di supernova. Tuttavia, il destino dei pianeti che sopravviverà è ancora un grosso problema, compreso quello della Terra.

Per determinare il possibile sviluppo della situazione, gli autori hanno analizzato i resti di supernovae scoperte di recente – Cas A, che è apparso nel cielo notturno nel 1667 e la sua “sorella maggiore”, G54.1 + 0.3, che è stato trovato nel 1985, ma è esploso tre secoli fa. 

Gli astronomi hanno scoperto che la massa di polvere in queste supernovae è significativamente più grande di quanto si credesse in precedenza, dando loro la possibilità di presumere che i mondi intorno a loro siano stati completamente coperti da polvere e altri minerali emessi al momento dell’esplosione.

Poiché queste stelle erano molto simili al Sole per dimensioni e struttura, probabilmente dopo la morte della nostra stella solare, Terra e Marte, così come i pianeti più lontani dal Sistema Solare, diventeranno deserto, coperti da nanodiamanti e corazze – minerali a base di ossido di alluminio.

Anche così, l’abitabilità non cambierà. La propagazione degli strati e l’aumento della luminosità del Sole saranno responsabili dell’estinzione della vita sulla superficie del nostro pianeta molto prima, dal momento che tutta l’acqua e l’aria scompariranno.