Home News

Boriska Kipriyanovich, storia del bambino alieno che visse su Marte e si reincarnò sulla Terra

Questo bambino russo sostiene di venire da Marte e racconta la sua storia. Le domande che vorremmo porgli sono tante, ma rimaniamo con quelle che attendono risposte

Boriska Kipriyanovich

Boris Kipriyanovich è un ragazzo russo con avanzate capacità intellettuali. Si dice che abbia iniziato a leggere a un anno e mezzo e, a quattro anni, si sia interessato ai libri di astronomia. Tanto da essere in grado di nominare i pianeti in latino. Boris è l’alieno che si è “reincarnato” in un bambino.

Il tema della reincarnazione è stato discusso da filosofi, teologi, psicoanalisti, ma non è mai stato verificato o concluso. Affermare che una persona abbia vissuto due volte è delicato come dire che c’è vita dopo la morte. Ora immaginiamo che qualcuno affermi non solo di essersi reincarnato, ma di venire da un altro pianeta.

Di fatto, il piccolo Boris lasciò la scuola a causa dell’alto grado delle sue capacità e iniziò ad istruirsi in una comunità educativa non scolastica. Finora abbiamo potuto pensare che fosse solo un genio e un bambino, ma tutto ha preso una direzione più interessante quando Boris ha iniziato a raccontare storie piuttosto strane.

 

La sua vita da “marziano”

Boris racconta che, nella sua “altra vita”, era un pilota su Marte e ha fatto viaggi spaziali interplanetari e intergalattici. Descrive Marte come un “paese arancione con erba ma senza alberi“, dove gli abitanti venivano trasportati dalle astronavi attraverso il sistema solare e verso altri sistemi planetari e galassie.

Boris ha anche affermato che le navicelle spaziali avevano un design molto diverso da quello che siamo soliti pensare perché non sembravano dischi volanti. Ma, anzi, obbedivano a forme triangolari e goccioline ed erano spinti da diversi tipi di energia.

Inoltre, ricorda di aver visitato la Terra, Giove e Saturno. E afferma che Marte era abitato da esseri simili agli umani ma di razze diverse che utilizzavano diverse tecnologie e che erano in guerra.

Alla domanda su come sia venuto sulla Terra, il ragazzo ha risposto con un avanzato concetto metafisico sulla “trasmutazione delle anime“, tuttavia non ha approfondito l’argomento.

La narrazione e la naturalezza con cui Boriska racconta tutta la sua storia sono affascinanti e rimarremo sempre con la domanda se questa spiegazione mista a racconto si solo frutto della grande immaginazione di questo bambino russo.