asteroide-impatto

La possibilità che un asteroide abbia un impatto sulla Terra è reale. Accadrà, spero, tra milioni di anni. Ora stiamo lavorando bene in modo che, quando accadrà, saremo pronti“, dice Javier Armentia, astrofisico e direttore del Planetario di Pamplona.

Sicuramente, quando si sente parlare dell’impatto di un asteroide che colpisce la Terra per prima cosa viene in mente la fine del mondo o scene di film come 2012 e, anche se sembra che qualcosa possa accadere, è un fenomeno che preoccupa anche la stessa NASA.

L’idea che un asteroide impatti con la Terra, come è avvenuto 65 milioni di anni fa, con i dinosauri, porta l’agenzia aerospaziale a lavorare su un piano di azione per deviare oggetti pericolosi che potrebbero colpire la Terra.

 

La comunità scientifica non riesce ancora a trovare una spiegazione al fenomeno

La NASA sta lavorando a un piano d’azione: questo è un protocollo il cui unico obiettivo è assicurare il futuro del pianeta e impedire che l’umanità sia minacciata di estinzione. Questa strategia sarà probabilmente sviluppata nei prossimi 10 anni.

Il protocollo si chiama “Strategia e piano d’azione nazionale per la preparazione di oggetti in avvicinamento alla Terra“, la sua funzione sarebbe quella di cambiare la traiettoria degli asteroidi in modo che non rappresenti alcun pericolo per la Terra. Prova anche a rilevare asteroidi potenzialmente pericolosi e ad essere in grado di agire in base al livello di pericolo che hai. “L’impatto degli asteroidi su larga scala, che potrebbero persino cambiare la temperatura, è accaduto solo tre volte dalla nostra esistenza. Fortunatamente, il Sistema Solare è abbastanza ordinato“, spiega Armentia.

Ad oggi, la NASA ha identificato oltre il 95% di tutti gli asteroidi che sono abbastanza grandi e potrebbero causare una catastrofe globale e garantisce che nessuno di questi costituisca una minaccia, almeno per i prossimi 100 anni. Questo, infatti, è il lasso di tempo che i ricercatori prevedono possa riapparire la possibilità. 

Gli esperti hanno detto che gli asteroidi che misurano più di un chilometro potrebbero devastare su scala globale e la misurazione è così precisa che essi non rappresentano alcun rischio. Invece, sono i piccoli asteroidi a rappresentare un “grave pericolo“, nonostante non causino danni planetari.

Questa missione vuole dimostrare che si potrebbe cambiare il moto di un asteroide e raggiungerlo cambiando la sua traiettoria. Anche se è in fase di sviluppo, si prevede di realizzare test con un asteroide binario vicino alla Terra, chiamato Didimo.