silicio-supernovae

Un team di scienziati ha rilevato la silice – il componente principale del vetro – nei resti di due supernove milioni di anni luce dalla Terra. La scoperta è stata resa possibile grazie al supporto dello Spitzer Space Telescope della NASA.

Ogni volta che guardiamo attraverso una finestra, a piedi su un marciapiede o camminando su una spiaggia sabbiosa, stiamo interagendo con il materiale che ha origine in un’esplosione stellare avvenuta milioni di anni fa“, spiegano gli scienziati. 

Come nota l’agenzia di stampa, il materiale è noto come silice, che costituisce circa il 60% della crosta terrestre e dalla particolare forma. Inoltre, anche il quarzo è una componente importante della sabbia. Usando il telescopio Spitzer, gli scienziati hanno trovato la silice nei resti di due supernove, milioni di anni luce di distanza dalla Terra.

 

Il mistero incandescente delle supernovae

Le supernovae si verificano quando alcuni tipi di stelle morenti esplodono e questi “vortici celesti” di atomi fondono insieme per formare molti elementi comuni quali zolfo e calcio. “Abbiamo dimostrato per la prima volta che la silice prodotta dalle supernovae era abbastanza, in realtà, per contribuire alla formazione della polvere di tutto l’universo, compresa la polvere che forma il nostro pianeta“, ha detto Haley Gomez, un esperto della Scuola di Fisica e astronomia presso l’Università di Cardiff e co-autore della ricerca.

Lo studio è stato ora pubblicato nelle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society