clima-2150

Cinquanta milioni di anni fa – durante l’era dell’Eocene – le temperature medie globali della Terra erano 13 gradi Celsius più alte rispetto al XX secolo. Se le emissioni di gas serra non vengono ridotte, questo potrebbe essere lo scenario del nostro pianeta nel 2150, avverte uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Science (PNAS).

Possiamo usare il passato come parametro per comprendere il futuro“, ha detto John Williams, dell’Università del Wisconsin-Madison (USA) e uno degli autori del documento, in una dichiarazione. Insieme ad altri scienziati degli Stati Uniti e del Regno Unito, John Williams ha fatto un passo indietro nel tempo per progettare il futuro.

A tal fine, le proiezioni climatiche (dal 2020 al 2280) sono state effettuate attraverso due scenari basati sulla quinta (ultima) relazione di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change del 2014, nonché su diversi modelli di simulazione climatica. Per quanto riguarda gli scenari, le emissioni di gas serra più onerose (RCP8.5) non diminuiranno. Nello scenario intermedio (RCP4.5) le emissioni di gas a effetto serra saranno leggermente ridotte o stabilizzate.

Quindi, sono stati presi in considerazione sei punti di riferimento geologici: l’inizio dell’Eocene (circa 50 milioni di anni fa), metà del Pliocene (tra 3,3 e 3 milioni di anni fa), l’ultimo periodo interglaciale (tra 129.000 e 116.000 anni), l’Olocene medio (seimila anni fa), l’era preindustriale (prima del 1850) e l’inizio del XX secolo.

Utilizzando diversi modelli climatici, il clima della Terra sarà simile a quello osservato nel Pliocene medio già nel 2030 nello scenario più grave, mentre nello scenario intermedio ciò avverrà nel 2040.

Circa tre milioni di anni fa, durante il Pliocene, il clima era arido: le temperature globali medie della Terra erano da 1,8 a 3,6 gradi Celsius più alte di oggi. “Durante questo periodo non c’erano grandi lastre di ghiaccio nell’emisfero settentrionale e il livello del mare era 20 metri più alto di oggi” , ha detto al pubblico Kevin Burke, dell’Università del Wisconsin-Madison e autore dello studio. “Entro il 2030 con lo scenario RCP8.5, l’interno dei continenti sarà il primo a raggiungere climi come il Pliocene“, si legge nell’articolo scientifico.

Se permangono le emissioni di gas serra (scenario intermedio), il clima terrestre in 100 anni sarà ancora quello del Pliocene medio. Ma se queste emissioni aumenteranno nel 2100, cominceranno ad assomigliare al clima dell’Eocene e avranno le condizioni intorno al 2150. “Se le emissioni continuano a salire, questo dovrebbe riavvolgere l’orologio del clima di circa di 50 milioni di anni, determinando un clima futuro simile a quello dell’Eocene“, illustra Kevin Burke.

Durante l’Eocene, oltre alle temperature medie globali di 13 gradi Celsius superiori a quelle del 20° secolo, i dinosauri erano ormai estinti (scomparvero dalla Terra 65 milioni di anni fa) e i mammiferi si erano diffusi in tutto il pianeta. Non c’era ghiaccio permanente nelle regioni polari e l’Artico aveva foreste paludose come quelle che oggi esistono negli Stati Uniti meridionali. E ci sarebbero circa 1.400 parti per milione (ppm) di anidride carbonica nell’atmosfera. Oggi la concentrazione atmosferica di anidride carbonica ha già raggiunto i 400 ppm.

Come suggerito, nel 2030 l’aumento della temperatura inizierà a essere notato prima nel centro dei continenti e solo allora si espanderà. “[La città di] Madison si è riscaldata più di Seattle, anche alla stessa latitudine. Quando si legge che il pianeta dovrebbe riscaldare tre gradi Celsius in questo secolo, a Madison si prevede che la temperatura media globale aumenterà di quasi il doppio“, spiega John Williams.

Inoltre, nel 2280, nello scenario più grave, i “climi geologicamente nuovi” appariranno sull’8,7% del pianeta, specialmente nell’Asia orientale e sud-orientale, nell’Australia settentrionale e nelle coste americane. Nello scenario intermedio questi nuovi climi influenzeranno solo l’1,5% della Terra.

 

Disaccordo alla conferenza sul clima

Nell’articolo, gli scienziati sottolineano che questi cambiamenti climatici dovrebbero verificarsi a un “tasso significativamente accelerato” e che, ad esempio, gli eventi estremi saranno più frequenti e intensi. “Forse la più preoccupante è la forma immediata, come abbiamo visto che i climi Pliocene ed Eocene saranno i più simili [a quelli del futuro]. Ci stiamo muovendo verso un futuro che è più simile a quei periodi“, afferma Kevin Burke.

I grandi cambiamenti sono sicuramente una caratteristica della comparsa di Antropocene [era geologica senza status ufficiale e che è l’impatto che l’uomo ha sulla trasformazione della Terra] e una differenza fondamentale tra il clima del prossimo futuro e il passato geo-storica“.

Come tale, Kevin Burke ritiene: “Oggi la società sta affrontando sfide senza precedenti, quindi dobbiamo capire cosa ci riserva il futuro. Possiamo usare il clima del passato come una sorta di laboratorio naturale per imparare come potrebbe essere“.

Lo scienziato ritiene che le azioni individuali siano un primo passo “eccellente”, in modo da non raggiungere lo scenario più oneroso, come l’uso del trasporto pubblico e una migliore gestione dei rifiuti e del consumo. “Bisogna riconoscere che questo è un problema oggi – non il futuro – e questo è fondamentale“.