tenea-grecia

La leggenda narra che Tenea, nell’antica Grecia, fu fondata dai Troiani catturati dal re Agamennone di Micene durante la sua guerra con Troia nel 12° o 13° secolo a.C. Gli archeologi avevano una vaga idea di dove fosse situata la città nella penisola del Peloponneso. Ma non avevano prove tangibili. Ora, credono di aver scoperto il posto.

Scienziati greci hanno trovato resti di un insediamento di case, bastioni, nonché gioielli, monete e varie tombe risalenti al 4° secolo a.C., ai tempi dei romani intorno al 150 a.C. Hanno scoperto muri costruiti con cura e pavimenti in argilla, pietra e marmo. Hanno anche trovato circa 200 monete rare, probabilmente nella tomba di una cameriera con l’intenzione di pagare per il “viaggio” dopo la morte.

Inoltre, sono state dissotterrate sette tombe adornate con vasi e gioielli. Una conteneva i resti di una donna e un bambino. E sono convinti che tutto ciò provi l’esistenza di Tenea.

 

Le ricerche sul sito

Gli scavi nelle vicinanze dell’attuale città di Chiliomodi sono iniziati nel 2013. L’archeologa capo del progetto, Elena Korka, ha detto che i risultati suggeriscono che i cittadini di Tenea erano “incredibilmente ricchi“. Ha aggiunto che la città si trovava su un’importante rotta commerciale tra le città di Corinto e Argos, nel nord del Peloponneso.

(La città) aveva figure di ceramica distintive con influenze orientali, ha mantenuto i contatti con l’Est e l’Occidente… e aveva un modo di pensare tutto suo che, per quanto possibile, contribuiva a plasmare la sua cultura, le sue politiche“, ha spiegato.

Si ritiene che la città abbia prosperato durante l’epoca romana, ma potrebbe essere stata abbandonata nel IV secolo d.C. 

Mentre gli scavi continueranno, Korka ha detto che saranno noti altri dettagli sulla città.