Il periodo natalizio è un momento di gioia, eccitazione, famiglia ed eccesso di cibo. Tuttavia, il Natale non fa  ridere in tutto il mondo. Alcuni paesi hanno alcuni miti e leggende natalizie davvero terrificanti e inquietanti.

 

1. La Befana

La Befana è una “strega” natalizia italiana. Non terrificante in alcun modo, ma una stranissima leggenda. È raffigurata come una vecchia che vola su una scopa e porta una grossa borsa. Secondo la vecchia fiaba del folclore, visita i bambini per l’Epifania portando loro doni se sono stati cattivi o simpatici. Molto simile a Babbo Natale, se i bambini sono stati carini, li ricompensa con regali e caramelle. Se sono stati cattivi, lascia loro un pezzo di carbone.

 

2. Grýla

Probabilmente il più raccapricciante dei miti natalizi, Grýla è una gigantessa montanara/troll. Secondo il folclore islandese, viaggia dalle montagne in cerca di bambini cattivi. Quando li trova, li rapisce e li mangia. 

Grýla

 

3. Ragazzi di Yule

In un’altra leggenda islandese, i giovani di Yule vanno dall’essere assassini sanguinari a burloni maliziosi. Originariamente c’erano 13 ragazzi di Yule che avrebbero viaggiato dalle montagne dove vivevano con la madre, Grýla, nei villaggi per spaventare le ignare vittime. A turno, visitano i bambini 13 giorni prima di Natale. Ogni ragazzo Yule lascia un piccolo regalo per bambini carini o una patata marcia per i bambini cattivi.

Yule lads

 

4. Jólakötturinn

Questo gatto natalizio islandese risale al 19° secolo. Secondo la leggenda, Jólakötturinn è un gatto enorme che gira per le strade nel periodo natalizio, pregando chi indossano vestiti nuovi. Chi non è in grado di comprare vestiti nuovi per le vacanze, mangia il gatto Yule. Alcuni dicono che la storia è stata creata per far lavorare le persone più duramente nel periodo delle vacanze.

 

5. Belsnickel

Questo tizio inquietante proviene dal Medioevo in Europa. Fu uno dei primi a separare i bravi ragazzi da quelli cattivi. Tuttavia, ha permesso ai bambini di riscattarsi se fossero stati cattivi tutto l’anno. Durante tutto l’anno, il mascherato Belsnickel lasciava caramelle in graziose case per bambini e lasciava i bambini cattivi senza alcun dono. In altre storie, invece, li avrebbe rapiti e non li avrebbe mai lasciati andare a casa o li avrebbe portati via per punirli per il loro cattivo comportamento.

 

6. Frau Perchta

Questa spaventosa signora vagherebbe in campagna durante l’inverno ed entra nelle case tra Natale ed Epifania, secondo il folklore bavarese e austriaco. Se i bambini e i domestici fossero stati carini, li avrebbe lasciati con una moneta d’argento. Se non lo fossero stati, avrebbe tagliato loro l’addome, tirato fuori i loro organi e li avrebbe sostituiti con la cannuccia.

 

7. Krampus

Krampus è uno dei miti natalizi più diffusi. Cresce lentamente in popolarità in America e ha fatto diverse apparizioni televisive su American Dad!,  Grimm e  Krampus, una commedia horror in arrivo. Il racconto tedesco è ambientato nel passato e racconta la storia di una grande creatura con le corna che lavora con Babbo Natale, rapendo e uccidendo bambini cattivi.

 

8. Knecht Ruprecht

Simile a Belsnickel, Knecht Ruprecht si diceva che fosse un aiuto per San Nicola, andando porta a porta per chiedere ai genitori come fosse stato durante l’anno il comportamento dei loro figli. Se erano stati cattivi, li avrebbe puniti con la frusta.

 

9. Père Fouettard

Simile a Knecht Ruprecht, Père Fouettard accompagnava Santa Klau. La storia di Père Fouettard, originaria della Francia e del Belgio meridionale, è piuttosto sinistra. Père Fouettard era un macellaio che incontrò tre ricchi bambini che andavano al collegio, li catturò e li derubò. Più tardi li uccise, tagliò i loro corpi e li tenne in un barile. Dopo la scoperta da parte di Santa Klaus, Père Fouettard fu punito e passò il resto dei suoi giorni insieme a lui.

 

10. Consoda

In Portogallo, è tradizione per le persone svegliarsi presto la mattina di Natale e fare una grande festa. La festa è conosciuta come Consoda. Onora i parenti morti e celebra gli antenati. Le famiglie preparano piatti extra e talvolta lasciano sul piatto anche le briciole.

 

11. Kallikantzaros

Un malvagio folletto nel folklore sud-orientale, Kallikantzaros vive sottoterra ma esce tra Natale ed Epifania per fare scherzi alla gente e spaventarli. Quindi è praticamente il moccioso della mitologia.

 

12. Mari Lwyd

La tradizione di Mari Lwyd è originaria del Galles del sud. Gruppi di uomini andavano in giro porta a porta con un gruppo di cavalli, fatti di un teschio di cavallo su un bastone, chiedendo di entrare in casa con una canzone. Se i padroni di casa negano loro l’ingresso attraverso una canzone, vanno avanti e indietro fino a quando qualcuno alla fine li fa entrare. Se il padrone di casa rinuncia per primo, al gruppo di uomini è concesso l’accesso alla loro casa e gli viene dato del cibo e delle bevande.