pianeti

Un team di scienziati ha scoperto un nuovo tipo di pianeti pieno di composti che generano pietre preziose come zaffiri e rubini. In parte, sono terrestri come la Terra e Marte, con un’alta proporzione di rocce e metallo (o la combinazione di entrambi).

In uno studio pubblicato dalla Royal Astronomical Society, gli scienziati spiegano che il gruppo di pianeti tende a orbitare attorno alle loro stelle su distanze molto brevi. Ciò significa che se orbitano nel luogo in cui sono stati formati, la loro composizione potrebbe essere abbastanza diversa: invece di un nucleo di ferro come quello del pianeta terrestre, sono abbondanti in calcio e alluminio. Secondo gli scienziati, questo potrebbe indicare la presenza di rubini e zaffiri, composti di corindone, una forma cristallina di ossido di alluminio. 

 

Gioielleria spaziale

Ricercatori delle università di Zurigo, Svizzera e Cambridge hanno identificato tre pianeti che possono essere di questo tipo. Sono HD 219134 b, situato a soli 21 anni luce di distanza, nella costellazione di Cassiopea, con un’orbita di tre giorni; 55 Cancri a 41 anni luce di distanza, con un’orbita di 18 ore; e WASP-47, che si trova a 870 anni luce di distanza, anche con un’orbita di 18 ore.

I pianeti sono formati da polvere e gas che ruotano intorno a una stella appena nata, nel fenomeno chiamato disco protoplanetario. Le forze elettrostatiche iniziano a legare particelle di polvere e gas in gruppi e gradualmente si accumulano fino a quando non hanno una gravità sufficiente per attirare pezzi più grandi e raccogliere la massa per formare un pianeta.

Più lontano dal disco, elementi come silicio, ferro e condensa di magnesio. Ciò si traduce in composizioni come quelle di Mercurio, Venere, Terra e Marte. Secondo lo studio, il nuovo gruppo di pianeti presenta temperature molto più alte della Terra. 

Molti elementi sono ancora in fase di gas e le particelle elementari planetarie hanno una composizione completamente diversa“, ha spiegato l’astrofisica Caroline Dorn, dell’Università di Zurigo, in una dichiarazione.

Lei e il suo team hanno condotto simulazioni e hanno scoperto che, come il silicio e il magnesio, l’alluminio e il calcio sono i componenti abbondanti nei pianeti scoperti di recente. Inoltre, non c’è praticamente alcuna traccia di ferro in essi. 

Anche la struttura interna, le condizioni atmosferiche e il raffreddamento sarebbero diversi. “La cosa interessante è che questi oggetti sono completamente diversi dalla maggior parte dei pianeti simili alla Terra“, ha detto Dorn.

La densità, ad esempio, sarebbe inferiore del 10% al 20% rispetto a quella della Terra. HD 219134 b è un po’ più lontano, e la sua bassa densità potrebbe essere il risultato degli oceani di magma. I ricercatori, tuttavia, non sono riusciti a confermarlo. “Forse splende dal rosso al blu come rubini e zaffiri“, ha spiegato lo scienziato riferendosi a HD 219134 b.