stonehenge

Un insieme unico di cilindri di gesso, noti come “Folkton Drums”, potrebbe essere stato progettato come “unità metriche” preistoriche e utilizzato nella costruzione di monumenti come Stonehenge.

I tamburi hanno circa cinquemila anni e sono stati trovati in siti archeologici in Gran Bretagna, ma fino a poco tempo fa la funzione di questi artefatti era sconosciuta.

Mike Parker Pearson dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Londra, autore di una nuova indagine, spiega in una dichiarazione: “Per quasi 150 anni, Folkton Drums è stata vista come artefatto bello ma imperscrutabile. Una nuova comprensione del fatto che le dimensioni dei suoi elementi e il loro design possono avere applicazioni per la costruzione di monumenti ha implicazioni interessanti per la conoscenza della società neolitica“.

 

La nuova indagine

Lo studio, pubblicato sul British Journal for History of Mathematics il 15 dicembre, ha dimostrato che arrotolando una stringa un numero fisso di volte attorno a ciascun “tamburo”, è possibile ottenere un’unità di lunghezza standard.

Questa unità di lunghezza sembra essere stata utilizzata nella costruzione di grandi cerchi di pietra e legno, tra cui Stonehenge. I tamburi sono oggetti rari ed enigmatici, scolpiti da blocchi di gesso solido da persone che vivevano nelle prime comunità agricole in Gran Bretagna durante il periodo neolitico fino a cinquemila anni fa.

Tre di questi tamburi furono scoperti nel 1889 vicino a Folkton, nello Yorkshire, mentre il quarto fu ritrovato un secolo dopo vicino a Lavant, nell’ovest del Sussex.

I tamburi sembrano essere stati creati in una serie di dimensioni accuratamente graduate in modo che la circonferenza di ciascun tamburo possa essere utilizzata per misurare una proporzione fissa di una lunghezza standard di 3,22 metri. Una stringa di questa lunghezza coinvolge esattamente dieci volte la circonferenza del tamburo più piccolo ed esattamente nove, otto o sette volte attorno a ciascuna sequenza di tamburi più grandi.

Studi precedenti hanno dimostrato che sono stati usati multipli della misura standard di 3,22 metri per stabilire i diametri delle grandi discariche circolari e dei loro cerchi di pietra e legno a Stonehenge.

La progettazione regolare di monumenti rituali grandi e complessi, come Stonehenge, implica che le opere siano state attentamente esaminate e che le dimensioni richieste delle grandi pietre possano essere trasferite in cave situate fino a 260 chilometri di distanza.

I cilindri di misurazione avrebbero fornito un metodo preciso e portatile per garantire che le pietre fossero delle dimensioni corrette e che i monumenti di design simile fossero costruiti in luoghi separati.

Andrew Chamberlain della University of Manchester e co-autore del documento, ha dichiarato: “Non è il materiale più adatto per la fabbricazione di strumenti di misura e si ritiene che la batteria possa essere la replica dei modelli originali. Tuttavia, il legno non è conservato nella maggior parte dei siti archeologici del Neolitico e non sono stati trovati strumenti di misurazione del legno nella Gran Bretagna preistorica. L’esistenza di questi strumenti di misura implica, quindi, una conoscenza avanzata della geometria preistorica e delle proprietà matematiche dei cerchi“, conclude Chamberlain.