dna

Gli scienziati australiani hanno scoperto un nuovo regolatore genetico che svolge un ruolo chiave nel determinare il sesso di un bambino. Nella normale sequenza di eventi, un embrione con due cromosomi X diventerà una bambina, mentre un embrione con un cromosoma X e un cromosoma Y nascerà bimbo. Ma il nuovo gene scoperto e i geni a cui si riferisce il nuovo studio possono interferire con il processo.

Questi risultati forniscono una nuova visione del cosiddetto “DNA spazzatura” – o DNA non codificante: le parti del codice genetico che non contengono geni, ma regolatori, che possono avere un impatto sull’attività genetica. “Il cromosoma Y ha un gene critico, chiamato SRY, che agisce su un altro gene chiamato SOX9 per iniziare lo sviluppo dei testicoli nell’embrione. Elevati livelli del gene SOX9 sono necessari per lo sviluppo normale dei testicoli“, ha dichiarato Brittany Croft, ricercatrice presso il Murdoch Children’s Research Institute in Australia. “Tuttavia, se l’attività di SOX9 è interrotta o ci sono solo bassi livelli di questo gene, i testicoli non si sviluppano, risultando in un bambino con un disturbo dello sviluppo“.

Questi disturbi sono esattamente ciò che suggerisce la definizione “intersessuale”: condizioni in cui gli organi riproduttivi o genitali non si sviluppano in modo tipico, portando a una miscela di caratteristiche maschili e femminili. Le cause di queste diverse condizioni intersessuali non sono molto ben comprese e riguardano circa uno tra 4.500 e 5.500 persone.

 

La ricerca

Sulla base di un’analisi di 44 persone con tali caratteristiche, i ricercatori hanno identificato tre regolatori nel DNA non codificante che controllava i livelli di SOX9. I risultati dello studio sono stati pubblicati il 15 dicembre sulla rivista Nature.

All’interno del campione, due individui con cromosomi XX e copie extra dei regolatori (quindi alti livelli di SOX9) hanno sviluppato testicoli anziché che ovaie. Lo studio ha anche trovato due persone con cromosomi XY e una mancanza di regolatori (bassi livelli di SOX9) che hanno sviluppato ovaie invece di testicoli.

Questi regolatori sono nel DNA, ma fuori dai geni, in regioni precedentemente definite come DNA spazzatura“, ha detto uno dei membri del team, Andrew Sinclair dell’MRI. “La chiave per diagnosticare molti disturbi può essere trovata in questi regolatori che si nascondono in questa parte poco conosciuta del nostro DNA“.

Queste regioni di DNA non codificante erano escluse quando i ricercatori stavano studiando le cause genetiche dei tratti intersessuali. Un aspetto che ora potrebbe cambiare. Con circa un milione di regolatori che controllano circa 22.000 geni nel genoma umano, c’è un grande potenziale per future esplorazioni su come i regolatori interagiscono con il codice genetico, anche quando nasciamo.