braccia-protesi

343 Industries, una sussidiaria di Microsoft che ha sviluppato il gioco e Halo franchising, ha collaborato con Limbitless Solutions, un’organizzazione senza scopo di lucro, con l’obiettivo di creare protesi per braccia per i bambini e con i temi del gioco.

Le braccia protesiche sono realizzate con stampanti 3D e sono perfettamente funzionanti con le mani che possono contenere oggetti tramite i sensori EMG. Questi sensori sono utilizzati per gli esami elettromiografici, precisamente per analizzare i muscoli, e sono stati utilizzati per lungo tempo a causa del loro basso costo.

In ogni caso, la parte migliore di questa partnership per fabbricare arti meccanici è che sono donati gratuitamente ai destinatari. A partire dal questo 2019, Limbitless aggiungerà due opzioni a tema Halo alla sua linea di design, che include già un bel braccio di ferro.

C’è una ricostruzione del braccio armatura Master Chief Mark VI e una versione di “multiplayer” in cui i bambini possono personalizzare il braccio con il loro colore preferito – se giocano con un colore nel videogioco, possono anche personalizzare il braccio nello stesso colore nella vita reale.

Visivamente, è straordinariamente preciso e fedele all’estetica del gioco. Né è la prima volta che Microsoft ha lavorato per portare l’accessibilità ai giocatori. La società ha recentemente lanciato il suo controller Xbox Adaptive per i giocatori disabili, con due grandi pulsanti programmabili e 19 connettori che possono essere collegati a joystick e altri accessori per consentire alle persone di giocare su Xbox One e PC Windows 10.

 

Microsoft madrina del progetto

Microsoft non è l’unica azienda ad aver collaborato con Limbitless, in quanto gli sviluppatori di Riot hanno stretto una partnership con l’azienda durante il suo hackathon chiamato Thunderdome. Gli sviluppatori hanno lavorato con Limbitless per creare cinque braccia protesiche della League of Legends, approdando ai progetti Odyssey Jinx, Star Guardian, Shurima, Illaoi e Maokai. I cinque disegni saranno disponibili anche per i bambini nel 2019.

Limbitless afferma che il gaming è un ottimo gateway per far sentire a proprio agio i bambini con le loro nuove braccia protesiche. L’azienda creerà i propri videogiochi per aiutare i bambini ad adattarsi alle loro braccia fatte di stampanti 3D. I sensori EMG catturano diversi modelli flessibili sul braccio, il che consente all’utente di controllare le dita.