Home Scienza

Calvizie, scoperto nuovo farmaco: è la volta buona

La calvizie, si sa, è un fattore anti-estetico che rende la vita difficile per uomini e donne. Soprattutto per queste ultime

calvizie

La calvizie, si sa, è un fattore anti-estetico che rende la vita difficile per uomini e donne. Soprattutto per queste ultime. E pare interessare pure gli alieni. Spesso si legge di news che parlano di risoluzione del problema, con titoli acchiappa-click. Ma sono passati un pò di anni e per ora nessun miracolo scientifico si è visto.

Diciamo che le cure hanno fatto qualcosa per quanto concerne il rallentamento della caduta, grazie a shampoo e lozioni. Ma sul fronte della ricrescita, invece, i risultati sono ancora scarsi. A parte qualche singolo caso di esperimenti su topi.

Tuttavia, forse, siamo alla volta buona. Partiamo col raccontare la storia di Jason.

Jason Lipkin, l’uomo a cui sono ricresciuti i capelli

Jason Lipkin ha perso tutti i capelli sul suo corpo quando aveva 43 anni. Al padre e avvocato è stato diagnosticato un tipo di perdita di capelli raro ed estremo, noto come alopecia universalis. Nonostante quasi nessuna speranza di vedere ricrescere i capelli, ha preso parte a una sperimentazione clinica in fase iniziale utilizzando un farmaco mirato al sistema immunitario, che si ritiene che causi questo tipo di alopecia.

Miracolosamente, i suoi capelli sono cresciuti, mostrando un nuovo promettente uso della medicina. La perdita di capelli può essere comune a tutti, ma questo tipo di alopecia non lo è.

La cura dell’alopecia di Lipkin

Lipkin ha preso parte a una sperimentazione clinica per una classe di farmaci noti come inibitori della JAK. Questi farmaci sopprimono il sistema immunitario, rendendolo incapace di attaccare i follicoli piliferi e fermare la crescita dei capelli.

Tuttavia, sono solo approvati dalla FDA per condizioni come l’artrite psoriasica e reumatoide, non l’alopecia totalis o l’universalis. Dal 2014, diversi studi clinici hanno mostrato risultati promettenti nei pazienti con alopecia che hanno assunto inibitori della JAK.

Circa i due terzi di coloro che li hanno usati hanno riportato la ricrescita dei loro capelli. Ma ci sono anche degli svantaggi per i farmaci. Dopo che le persone smettono di usarli, per esempio, i capelli che ricrescono rischiano di cadere di nuovo.

“Mi sento come se stessi mettendo i pazienti su un ottovolante se entrassero con [alopecia] totalis”, ha detto Cotsarelis. “E poi cosa, come li togli?”

Gli effetti che i farmaci hanno sul sistema immunitario aumentano anche il rischio di infezione di una persona e anche alcuni tipi di cancro.

“Sarei molto riluttante a mantenere qualcuno con un trattamento ampiamente immunosoppressore in questo modo per cinque, 10 o 20 anni “,

ha detto Cotsarelis.

Per aggirare questi effetti collaterali, i medici hanno iniziato a esaminare le forme topiche dei farmaci inibitori JAK orali. In tal modo, sperano di evitare che ciò influisca sull’intero corpo del paziente e solo sull’area a cui è applicato. Lo sperano anche i milioni di calvi nel mondo.


Calvizie, scoperto nuovo farmaco: è la volta buona