Uno studio, i cui risultati dovranno essere convalidati nelle persone con il morbo di Alzheimer, si è concentrato in fase sperimentale sui moscerini della frutta. Questi sono stati geneticamente modificati per imitare i sintomi della malattia.

Secondo uno dei ricercatori, Christa Rhiner, le mosche transgeniche pativano di una “perdita di memoria a lungo termine, un invecchiamento accelerato dei problemi al cervello e di coordinazione motoria, che è peggiorata con l’età“.

Quando un altro scienziato, Dina Coelho, primo autore dello studio, ha bloccato la morte dei neuroni nel cervello delle mosche, questi “problemi di memoria sviluppati e coordinazione motoria sono peggiorati e il loro cervello si è deteriorato più velocemente“.

Le mosche si sono comportate quasi come mosche normali per quanto riguarda la formazione dei ricordi, del comportamento motorio e dell’apprendimento. Il recupero si è verificato quando gli insetti sono stati già molto colpiti dalla malattia di Alzheimer.

 

I risultati dello studio

Lo studio suggerisce che la morte dei neuroni “è vantaggiosa perché elimina i neuroni dei circuiti cerebrali colpiti da aggregati tossici della beta-amiloide, e mantenere questi neuroni disfunzionali è peggio che perderli“, spiegano i ricercatori.

Per gli autori dello studio, i risultati possono avere implicazioni per il trattamento della malattia di Alzheimer dal momento che “alcune sostanze sperimentali” che bloccano le sostanze che inibiscono la morte cellulare, accelerando la morte dei neuroni, esistono e sono in fase di test.

La tesi che ha prevalso sulla malattia di Alzheimer è che la morte dei neuroni “è responsabile del caos cognitivo” generato dalla malattia e non, come ha sottolineato il nuovo studio, “un meccanismo di protezione” che “cerca di proteggere il cervello dall’accumulo di neuroni disfunzionali“.