buchi neri

In questi giorni è tornata in auge una teoria del compianto, grande, Stephen Hawking. I buchi neri possono sfoggiare una lussuosa testa con “capelli” fatti di particelle spettrali a energia zero.

Hawking lo ha detto un paio di anni fa e il WSJ ha ripreso la notizia in queste ore. Il documento, che è stato pubblicato online il 5 gennaio nella rivista di preprint arXiv, Propone che almeno alcune delle informazioni divorate da un buco nero siano conservate in questi capelli elettrici.

Ancora, la nuova proposta non dimostra che tutte le informazioni che entrano in un buco nero sono preservate.

“La domanda da un milione di dollari è se tutti i le informazioni sono archiviate in questo modo e non abbiamo avanzato alcuna pretesa in merito “

ha detto l’autore dello studio Andrew Strominger, un fisico dell’Università di Harvard, nel Massachusetts.

E poi conclude:

“Sembra improbabile che il tipo di capelli che abbiamo descritto sia abbastanza ricco da contenere tutte le informazioni.”

 

Buchi neri cosa sono

Secondo la teoria della relatività generale di Einstein, i buchi neri sono oggetti celesti estremamente densi che deformano lo spazio-tempo in modo così forte che nessuna luce o materia possono sfuggire alle loro grinfie. Alcuni buchi neri primordiali si formarono subito dopo il Big Bang e potrebbero avere le dimensioni di un singolo atomo, ma massiccio come una montagna, secondo la NASA.

Altri si formano come stelle gigantesche collassano su se stessi, mentre i buchi neri supermassicci giacciono nel cuore di quasi tutte le galassie.

Negli anni ’60, il fisico John Wheeler e colleghi proposero che i buchi neri “non hanno capelli”, una metafora che significa che i buchi neri erano privi di tutte le particolarità complicate. Nella formulazione di Wheeler, tutti i buchi neri erano identici tranne che per la loro rotazione, il momento angolare e la massa. Poi, negli anni ’70, Stephen Hawking propose la nozione ora chiamata radiazione di Hawking. In questa formulazione, tutti i buchi neri “perdono” la massa sotto forma di particelle quantiche spettrali che sfuggono nel tempo.

Alla fine, la radiazione di Hawking fa sì che i buchi neri evaporino del tutto, lasciando un unico, unico vuoto. I vuoti lasciati da questi buchi neri, secondo la teoria originale, sarebbero identici, e quindi incapaci di immagazzinare informazioni sugli oggetti da cui erano formati, ha detto Strominger.

 

I buchi neri preservano le informazioni

Dal momento che la radiazione di Hawking che fuoriesce da un buco nero è completamente casuale, ciò significherebbe che i buchi neri perdono informazioni nel tempo e non ci sarebbe modo di sapere molto sugli oggetti celesti che formavano i buchi neri.

Eppure questa nozione crea un paradosso, perché sulla più piccola scala le leggi della fisica sono completamente reversibili, il che significa che le informazioni che esistevano nel passato dovrebbero essere teoricamente recuperabili.

Pochi anni prima della sua morte, Hawking aveva respinto la nozione di perdita di informazioni e ammesso che i buchi neri conservano le informazioni.