mercurio-ghiaccio

Un team di ricercatori delle università del Maine e Brown negli Stati Uniti ha modellato i processi che hanno portato alla glaciazione dei poli con i crateri di Mercurio, il pianeta più vicino al Sole.

Lo studio si è concentrato sull’accumulo e il flusso di ghiaccio su Mercurio, con depositi situati in crateri permanentemente ombreggiati vicino ai poli e visibili da un radar terrestre. Questi dati sono stati successivamente confrontati con i depositi di ghiaccio sulla Terra e su Marte.

I risultati, pubblicati sulla rivista Icarus, contribuisce alla comprensione di come gli accumuli di ghiaccio su Mercurio – che si stima essere inferiore a 50 milioni di anni e fino a 50 metri di spessore in alcuni punti – possono essere cambiati nel corso del tempo. Le modifiche registrate su fogli di ghiaccio fungono da indicatori meteorologici.

 

Lo studio

Come la Luna, Mercurio non ha un’atmosfera che produce neve o ghiaccio che possa spiegare i suoi ghiacciai. Le simulazioni del team guidato da James Fastook, scienziato dell’Istituto per i cambiamenti climatici presso l’Università del Maine, suggeriscono che il ghiaccio esistente sul pianeta sia stato depositato, probabilmente come un risultato di una cometa ricca d’acqua o per altro evento di impatto

Dopo il fenomeno di deposizione, Mercurio è rimasto stabile, con una velocità di flusso del ghiaccio minima o nulla. Nonostante l’enorme differenza di temperatura tra i ghiacciai cupi e le regioni adiacenti illuminate dal Sole, gli scienziati ritengono che questo sia il motivo per cui i ghiacciai mantengono il pianeta torrido.

Uno dei principali strumenti scientifici utilizzati dal team è stato l’UMISM, sviluppato per ricostruire la forma e il contorno del passato ghiaccio e presenti sulla Terra e su Marte, ed i risultati sono stati pubblicati nel 2002 e 2008. “Ci aspettiamo che i depositi di [Mercurio] siano limitati e questi sono fondamentalmente depositi stazionari e stagnanti, che riflettono l’estrema efficienza del meccanismo di cattura polare“, spiegano gli scienziati in una dichiarazione.