oceano pacifico

Due ricercatori, uno dell’Istituto oceanografico Woods Hole, l’altro dell’Università di Harvard, hanno trovato prove di un profondo raffreddamento dell’Oceano Pacifico, probabilmente dovuto alla Piccola Era Glaciale che stiamo vivendo.

Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Science, Jake Gebbie e Peter Huybers descrivono il loro studio delle temperature dell’oceano Pacifico negli ultimi 150 anni e ciò che hanno trovato. Ecco a quali risultati pervengono.

 

Temperatura fondale Oceano Pacifico si sta abbassando

I due ricercatori ritengono che la temperatura dell’acqua sul fondo del Pacifico suggerisca su quali siano le temperature della superficie di centinaia di anni fa.

Per scoprire se fosse davvero così, i ricercatori hanno ottenuto dati da un consorzio internazionale chiamato Argo Program, un gruppo di persone che insieme hanno effettuato misurazioni oceaniche fino a profondità di circa due chilometri.

Come riferimento comparativo, i ricercatori hanno anche ottenuto dati raccolti dall’equipaggio del Challenger HMS: avevano preso le temperature dell’Oceano Pacifico fino a una profondità di due chilometri durante gli anni dal 1872 al 1876. I ricercatori hanno utilizzato i dati di entrambi i progetti per costruire un modello computerizzato per imitare la circolazione dell’acqua nell’Oceano Pacifico nell’ultimo secolo e mezzo.

Il modello ha mostrato che l’Oceano Pacifico si è raffreddato nel corso del XX secolo a una profondità di 1,8-2,6 chilometri. La quantità non è ancora precisa, ma i ricercatori suggeriscono che è probabilmente tra 0,02 e 0,08 ° C.

Quel raffreddamento, suggeriscono i ricercatori, è probabilmente dovuto alla Piccola era glaciale, che andò dal 1300 circa fino al 1870 circa. Prima di questo, ci fu un tempo noto come il Periodo del Caldo Medievale, che aveva causato il riscaldamento delle acque profonde del Pacifico appena prima del raffreddamento che ora sta vivendo.