alzheimer

Gli afro-americani possono avere il doppio delle probabilità degli americani caucasici di sviluppare la malattia di Alzheimer. Ma fino ad ora nessuno sa il motivo. Del resto, gli studi che indagano sulle cause alla base della malattia, sono storicamente tratte da un pool di scienziati bianchi che partecipano alla ricerca.

Di conseguenza, poco si sa su come la malattia neurodegenerativa insorga e progredisca nelle persone di origine non caucasica. Ora, un nuovo studio della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis ha identificato disparità etniche tra afro-americani e caucasici nel livello di un biomarker chiave utilizzato per identificare la malattia di Alzheimer.

I risultati, pubblicati il ​​7 gennaio su JAMA Neurology, suggeriscono che gli strumenti per diagnosticare la malattia potrebbero non applicarsi altrettanto efficacemente agli afro-americani.

Nello specifico, la preoccupazione è che l’Alzheimer possa essere sottostimato negli afroamericani perché in genere hanno livelli più bassi di proteina del cervello tau. Il che significa che le persone potrebbero non raggiungere la soglia da diagnosticare quando la malattia ha già iniziato a svilupparsi nel cervello.

 

Alzheimer sottostimato negli afro-americani?

Morris è a capo dell’università Charles F. e Joanne Knight Alzheimer’s Disease Research Center (ADRC). Quando ha assunto la carica di investigatore principale nel 1997, Morris ha lanciato un’iniziativa per affrontare la mancanza di conoscenza della malattia nelle persone di colore e ha iniziato diversificando il pool di partecipanti allo studio del centro.

All’epoca, solo il 5% delle persone arruolate nella memoria e gli studi cognitivi nel centro erano afro-americani, sebbene costituissero il 18% della popolazione nella grande area di St. Louis.

Con la guida di un comitato consultivo afro-americano guidato dall’attivista per i diritti civili Norman R. Seay, l’ADRC ha costantemente attratto un gruppo di partecipanti più rappresentativo. Il che ha permesso ai ricercatori di indagare sulle radici delle differenze razziali nell’Alzheimer.

Per questo studio, Morris e colleghi hanno analizzato dati biologici da 1.215 persone, di cui il 14%, o 173, erano afro-americani. I partecipanti avevano una media di 71 anni. Due terzi non mostravano segni di perdita di memoria o confusione e il rimanente un terzo aveva una demenza di Alzheimer molto lieve o lieve.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti ad almeno un test per l’Alzheimer: una scansione PET per rilevare placche di proteina amiloide tossica nel cervello. E ancora, una risonanza magnetica per segni di restringimento e danno cerebrale. E un prelievo midollare per misurare i livelli delle principali proteine ​​di Alzheimer nel fluido che circonda il cervello e il midollo spinale. L’analisi delle scansioni MRI e PET non ha evidenziato differenze significative tra afro-americani e bianchi.

Ma quando i ricercatori hanno esaminato i campioni di liquido cerebrospinale, hanno scoperto che gli afro-americani avevano livelli significativamente più bassi della proteina del cervello tau. Tau elevato è stato collegato a danni cerebrali, perdita di memoria e confusione. Ma avere livelli più bassi di tau non ha protetto gli afro-americani da questi problemi.

Quindi, essi sono risultati altrettanto probabili quanto i caucasici di essere cognitivamente compromessi in questo studio.

Una nuova frontiera nello studio dell’Alzheimer

“Con tau, il modello era lo stesso negli afro-americani e nei bianchi: più alto era il livello tau, più probabilità si era cognitivamente compromessa, ma gli importi assoluti erano sempre più basso negli afro-americani “, ha detto Morris.

“Ciò che questo può indicare è che i limiti tra i livelli normali e alti di tau che sono stati sviluppati studiando i bianchi non sono probabilmente accurati per gli afro-americani e potrebbero farci perdere i segni di malattia in alcune persone.”

Quindi, la conclusione è: non è vero che gli afro-americani siano più soggetti a riscontrare l’Alzheimer. Semplicemente, non sono stati studiati efficacemente quanto i bianchi caucasici.