orzo

I ricercatori dell‘Università di Adelaide hanno scoperto un nuovo carboidrato complesso nell’orzo. Il primo del suo genere a essere scoperto in oltre 30 anni. Il polisaccaride di cereali ha potenziali applicazioni nel settore alimentare, medico e cosmetico.

La ricerca della School of Agriculture, Food and Wine dell’università di Adelaide è stata pubblicata sulla rivista American Society Central Science. Il nuovo polisaccaride, scoperto dallo scienziato senior Research Dr Alan Little, e il team dell’ex ARC Center, ha il potenziale per essere sfruttato per molti usi. Vediamo quali.

 

Scoperto nuovo polisaccaride nell’orzo

“Le pareti cellulari contengono componenti che sono di maggiore interesse per molti settori come fonti rinnovabili per la produzione di energia, materiali compositi o prodotti alimentari” afferma il dottor Little. La conoscenza di questo nuovo polisaccaride aprirà ulteriori ricerche per determinare il suo ruolo nella pianta.

“Sappiamo che può essere trovato nelle radici dell’orzo suggerendo che potrebbe giocare un ruolo nella crescita delle piante o nella resistenza alle stress esterni come la salinità o la malattia. “Osservando la variazione naturale del polisaccaride nelle diverse colture cerealicole mireremo a identificare i legami con importanti tratti agricoli” aggiunge la dott.ssa Little.

Il nuovo polisaccaride è un mix di glucosio, comunemente presente nella cellulosa, e xilosio, che si trova nella fibra alimentare. In base alle proporzioni relative di ciascun zucchero, il polisaccaride ibrido ha il potenziale per comportarsi come un componente strutturale della parete che fornisce forza o, al contrario, come gel viscoso. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i potenziali usi del nuovo polisaccaride.

I polisaccaridi esistenti hanno una vasta gamma di usi. Migliorano la qualità della fibra alimentare nel porridge e sono anche ampiamente utilizzati nelle applicazioni biomediche e cosmetiche.

 

Possibili utilizzi del nuovo polisaccaride nell’orzo

“Le proprietà del nuovo polisaccaride potrebbero essere manipolate per adattarsi alla funzione desiderata, aumentando la gamma di potenziali usi”, continua il dottor Little. Anche i geni coinvolti nella biosintesi del nuovo polisaccaride sono stati scoperti come parte di questo lavoro.

“Gli stessi geni possono essere trovati in tutte le principali colture di cereali – non solo orzo.” Ora possiamo usare questa conoscenza per trovare modi per aumentare questi polisaccaridi nelle colture, fornendo la possibilità di generare materiale vegetale con una gamma di proprietà fisiche potenzialmente diverse per applicazioni industriali”

conclude la Little. L’orzo è spesso oggetto di interessanti ricerche. Come quella che punta a coltivarlo su Marte.